media

I media non riescono più a fabbricare eroi o mostri

Il Bisturi di Clairemont Ferrand: I media non riescono più a fabbricare eroi o mostri

A prescindere dal merito sul caso Regeni, si può osservare‎ come non sia riuscita, soprattutto da parte di Repubblica, l’operazione di far diventare questa sfortunata persona un eroe e un martire, soprattutto se per ipotesi lo fosse davvero.

L’operazione oramai non riesce più neanche nell’intento ‎opposto e cioè quello di fabbricare mostri.

Infatti abbiamo visto come si è fatto di tutto e di più per delegittimare e indicare al pubblico ludibrio persone come Gianroberto Casaleggio, cofondatore del M5S, che è diventato invece un eroe, consacrato tale dal‎la sua morte prematura nel pieno dell’attività.

Lo si è fatto è lo si sta facendo‎ con Beppe Grillo, anche lui cofondatore del M5S, ma con scarsissimi risultati.

Sotto i nostri occhi vediamo l’operazione di delegittimazione distruttiva della sindaca di Roma Virginia Raggi e degli assessori da lei scelti, sopratutto per la Muraro, per non parlare dei giornalisti piranha che stanno addosso ai più esposti del M5S, a partire dal Vice Presidente della Camera Luigi Di Maio.

Ma anche in questi casi i risultati non lasciano ben sperare ai delegittimatori ‎professionali che si considerano giornalisti.

Il gioco non riesce più perché i giornalisti e i loro giornali hanno perso ogni credibilità di fronte alla gente: oggi sono davvero passati i tempi in cui si diceva “l’ho letto sui giornali” per vincere una diatriba dialettica‎.

Prima di credere a qualcosa scritta sui giornali la gente fa molte indagini su internet con la lente di ingrandimento, per farsi in ogni caso un’opinione personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *