litalia-cresce

L’Italia cresce, sì ma di poveri

Matteo Renzi ogni tanto ci azzecca: “L’Italia cresce, va meglio di anno in anno ma andare meglio non significa andare bene,” aveva dichiarato il premier lo scorso 2 settembre rivolgendosi alla platea del Forum Ambrosetti – The European House di Cernobbio.

E in effetti è proprio così: l’Italia cresce, ma le cose non vanno bene. Perché ad aumentare non sono i soldi in tasca agli italiani, ma il numero di cittadini poveri.

Lo confermano i dati Istat: in Italia nel 2015 6 milioni di persone vivono in condizioni di povertà assoluta, ovvero 7,6% della popolazione.

Per rendere meglio l’idea basti pensare che nell’ultimo decennio il dato più basso risale al 2006, quando gli italiani in difficoltà economica erano 1,8 milioni

Ora confrontiamo i due numeri: l’incremento è del 177%.

La colpa, precisiamolo, non è tutta del governo Renzi, che comunque non è in grado di arginare una crisi che si protrae da anni, e di cui subiamo ancora le conseguenze.

Ma non diciamo che “l’Italia è ripartita” o “cresce”, perché è un insulto ai 4 milioni di italiani che a stento arrivano a fine giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *