feltri-renzi

Vittorio Feltri: ‘Renzi è fuori come un balcone, non ha i presupposti per vincere’

Vittorio Feltri bastona Renzi.

Secondo il direttore di Libero l’ex-premier ha così fretta di andare al voto che non ha considerato i pro e i contro di elezioni così vicine.

Scrive Feltri:

“Non siamo stupidi perché non comprendiamo la fretta di votare del segretario Pd. Non la comprendiamo per il semplice fatto che lui non ne spiega la ratio. Oddio sappiamo che ha urgenza di rientrare in gioco e di mettersi alla prova nella speranza di riconquistare il potere e di vendicarsi di coloro che lo hanno buttato in un angolo. Ma si tratta di motivazioni psicologiche che non hanno nulla di razionale.

Oggi (e probabilmente anche domani) i democratici dispongono di un patrimonio di consensi pari al 30 per cento. Una cifra che non fa scattare il premio di maggioranza, la soglia per ottenere il quale è del 40 per cento. Mancano dieci punti. Dove intende raccattarli caro Matteo? Non credo si illuda che qualcuno glieli regali e si autocandidi a sparire dalla circolazione. Indubbiamente lei è incline a rottamare amici e nemici, ma non pretenderà che ci siano in giro dei volontari che si offrono quali vittime.

I soli in grado di aiutarla sono Verdini e Alfano, ragazzi vispi e generosi, ma purtroppo per loro (e per Renzi) non hanno nel cassetto tanti suffragi da donare al leader del Pd. Certamente se anziché un sistema proporzionale ce ne dessimo uno maggioritario, sarebbe meno ardua la operazione per strappare in Italia una maggioranza renziana. Ma al momento un mutamento radicale della legge non è ipotizzabile, tanto più che Berlusconi un giorno sì e l’altro pure dichiara che il proporzionale sarebbe una panacea. Per me sarebbe una idiozia, ma io conto quanto il due di briscola”.

E conclude:

“Scusi caro Renzi ma lei è sicuro di stare bene? A me dà l’impressione di essere fuori di testa. La sconfitta, per altro cercata con puntiglio, perché lei si è ostinato ad abolire il bicameralismo a parole, ma in pratica lo ha confermato mantenendo in vita un aborto di Senato (un controsenso), le ha fatto perdere la sinderesi e non solo la poltrona.

Parecchi stupidi mi hanno accusato di essere renziano, in realtà non lo sono mai stato, ma se lei fosse stato un po’ feltriano, appena appena, oggi sarebbe ancora a Palazzo Chigi. Invece si è fatto prendere da una sorta di delirio di onnipotenza e ha inanellato una serie di sciocchezze evitabilissime. Alle quali ora si aggiunge la fregola di correre a votare quando mancano i presupposti per vincere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *