Consip, nelle intercettazioni spuntano i 60 mila euro alla fondazione di Renzi

0
0
fondazione-di-renzi
Pubblicità

Non solo Renzi padre. Nelle intercettazioni dell’inchiesta Consip spunta anche la fondazione di Renzi.

Pubblicità

Il primo è indagato per traffico di influenze illecite: secondo i pm romani Tiziano Renzi avrebbe fatto da mediatore per avere un trattamento di favore dalla Consip, Alfredo Romeo, l’imprenditore arrestato ieri.

L’ex-premier, invece, risulta come «richiedente» di un finanziamento per la propria fondazione Open, spiega Grazia Longo su La Stampa:

“Investigatori e inquirenti sono a caccia di prove del fatto che Tiziano Renzi si facesse pagare per la sua mediazione. Nel decreto di perquisizione a casa del suo amico Carlo Russo (anch’egli indagato per traffico di influenze illecite, sospettato di essere il tramite tra Romeo e Tiziano Renzi) il pm Mario Palazzi dispone il sequestro di «computer, chiavette usb, cellulari, documenti, appunti, scritti di ogni genere». Si vuole scoprire se davvero Tiziano Renzi corrisponde a quella T. scritta da Romeo con accanto la cifra di 30 mila euro”.

Ecco cosa dice Romeo su Matteo Renzi:

“«Perché un politico può venire da te a chiederti sessantamila euro che ti ha chiesto Renzi (si tratta di una regolare donazione elargita da Romeo alla fondazione riconducibile a Renzi, ndr), ma i mille pulitori sul territorio sono mille persone che danno cinquemila euro ciascuno… sono mille persone che fanno un’assunzione ciascuno… sono mille persone che quando voti si chiamano i dipendenti… tu, invece, i tuoi dipendenti neanche sai chi sono..».”

Occorre precisare, però, che le parole di Romeo “non hanno comunque alcuna ripercussione giudiziaria: l’ex premier è totalmente estraneo all’inchiesta. Diversa la posizione del padre, sospettato di essere stato a libro paga di Romeo”.

Matteo Renzi però ora dovrà chiarire il suo rapporto con Romeo.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui