consip-e-lotti

Di Maio su Consip e Lotti: ‘Renzi sapeva tutto’

Ospite a Corriere Live, il deputato 5 Stelle Luigi Di Maio ha confermato la sua posizione su Consip e Lotti e affermato che l’ex-premier Matteo Renzi era a conoscenza dell’inchiesta.

“Lei su che base dice che Renzi è complice di questa operazione, e cioè che sapeva”, chiede l’intervistatore a Di Maio, che replica dicendo: “Lo dichiara un suo uomo di fiducia che si chiama Vannoni, a capo di Publiacqua Firenze, che dice ‘Non solo Lotti me l’aveva detto, Renzi stesso sapeva di questa vicenda’.
Sapete qual è la questione? Sul sapeva o non sapeva ci sono passato anch’io, però io ho risposto a tutte le domande per settimane, ancora devo trovare uno che faccia la domanda a Renzi: ‘Lei sapeva o no dello scandalo Consip’.
È questo che noi ci aspettiamo da tutto il mondo giornalistico, senza polemica. Però queste devono essere giornate e settimane in cui si chiarisce anche qual è stata la posizione dell’ex-presidente del Consiglio del Ministro, che è candidato segretario del Pd, in questa vicenda.

Leggiamo sul Corriere della Sera:

“Nessuna apertura, anche se le indagini sono ancora in corso: per Luigi Di Maio Renzi sapeva dell’inchiesta Consip, «a dirlo è Vannoni, a capo di Publiacqua a Firenze». E quindi ora il suo «obbligo morale» sarebbe quello di spingere il ministro dello Sport Luca Lotti a dimettersi, indipendentemente dalla mozione di sfiducia che è in discussione ora in Parlamento. Il vicepresidente della Camera, big dei Cinque Stelle, boccia il giglio magico e, nel corso di #Corrierelive, chiede: tutti a casa. «C’è una ragione in più per allontanare Lotti e quelli del giglio magico dal governo, queste persone hanno infangato le istituzioni – ha aggiunto Di Maio nel corso della trasmissione condotta da Tommaso Labate, con il vicedirettore del Corriere della sera Antonio Polito e Alessandra Arachi -, questa vicenda Consip è torbida». Niente di paragonabile, insiste Di Maio, a quanto avvenuto a Roma con la sindaca Virginia Raggi: «Questa vicenda non credo sia paragonabile ad un avviso ad un sindaco per una firma sotto un foglio. Per questo non solo non tacciamo, ma diciamo che Lotti deve allontanarsi dai ruoli istituzionali fino a che l’indagine non è chiarita».”

Guarda il video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *