Blocco manifestanti per espianto degli ulivi, la polizia lo forza e carica i manifestanti

2
4
espianto-degli-ulivi
Pubblicità

Il Tap, gasdotto che dall’Azerbajan arriverà fino alle coste della Puglia, si farà.

Pubblicità

Il Ministero dell’Ambiente ieri ha dato l’OK per la sua costruzione e il via libera all’espianto di 200 piante di ulivo presenti sul tracciato del microtunnel del gasdotto a Melendugno, in Salento.

Per protestare contro l’espianto degli ulivi, i manifestanti si sono seduti davanti ai cancelli del cantiere e la polizia, per accedere all’area, ha forzato il blocco e caricato i manifestanti.

La cronaca dei fatti di Diego De Lorenzis Cittadino, portavoce M5S in parlamento:

“In diretta dal presidio NoTAP vicino all’area del cantiere! Le forze dell’ordine hanno creato un cordone spingendo chiunque fosse d’intralcio al transito dei mezzi…sindaci, consiglieri regionali travolti in uno scontro senza senso alcuno! Un territorio “militarizzato” inutilmente a causa di una opera non strategica che non è certo venga autorizzata dato che il progetto esecutivo! Un Governo prepotente e arrogante che difende multinazionali e calpesta la nostra storia e il nostro territorio con la complicità di un presidente di Regione inetto e perennemente impegnato nella sua personale scalata al Partito!
Oggi i cittadini pagano le scelte degli anni passati e di quelle presenti compiute da politici senza dignità e senza credibilità!
Sono arrabbiato, deluso e mi sento impotente di fronte a tanta insensatezza!”

Espianto degli ulivi, la denuncia del senatore pentastellato Maurizio Buccarella:

“In queste ore questo e’ quanto sta succedendo fuori dal cantiere dove saranno espiantati degli ulivi per il passaggio del gasdotto che viene dall’Azerbajan.
Per capire quando una cosa e’ sbagliata basta osservare quando le nostre Forze dell’Ordine sono usate per contrastare la resistenza pacifica di cittadini che intendono difendere un interesse comune, un bene diffuso come l’ambiente, il territorio, la Natura.
Non sono black bloc o esaltati di taluni centri sociali…
Insomma, perché lo Stato agisce contro i propri cittadini per la realizzazione di un’opera?”

Guarda il video:

“Ci hanno massacrato!”, A leccecronaca.it CRISTIAN CASILI RACCONTA LE BOTTE CHE HA PRESO DALLA POLIZIA

Cristian Casili, Consigliere Regionale della Puglia per il M5S, ha raccontato al sito leccecronaca.it quanto accaduto ieri:

– Eravamo davanti in prima linea, cercavamo di tenere calmi gli animi. Chiedevamo al Questore e al responsabile sul posto di sospendere i lavori di espianto proprio in virtù della criticità della situazione E invece hanno usato la forza, lo Stato contro i rappresentanti dello Stato.

– Chi c’ era con lei?

– C’ erano altri due consiglieri regionali, Antonio Trevisi e Cosimo Borracino, poi i sindaci del territorio…

– Chi?

– Io adesso ricordo solo il sindaco di Melendugno, Marco Potì, che è stato sempre al mio fianco… I cittadini, la gente…Almeno tre o quattrocento persone. Hanno cominciato a spingere la gente, forte, ci hanno distrutto. Perché poi? Per difendere gli interessi dei privati, calpestando le istituzioni locali. Oggi è una pagina tristissima per le istituzioni, e per chi non ci rappresenta.

– Che fate ora?

– I sindaci stanno valutando di andare dal Prefetto a restituire la fascia tricolore, e stanno decidendo il da farsi nelle prossime ore. Noi comunque saremo con loro.

“Alcuni ricordi della giornata di oggi”, ha scritto poi Casili sul proprio profilo Facebook e posta una foto che mostra la sua mano fasciata.

Pubblicità

2 Commenti

  1. Ecco a cosa servono le forze del disordine si perché stanno proteggendo la distruzione di un territorio. Queste sono le forze di cui il Presidente della Repubblica, responsabile con tutti i governanti, ne ha decantato l’operato. Ma in queste forze dell’ordine c’è ne sono Italiani?

  2. Sono di Milano, ma SONO CON VOI, soffro per gli ulivi, per voi che combattete alacremente, che difendete il territorio e gli ulivi che sono un emblema della Puglia, soffro per l’ingiustizia, per la prepotenza e per l’arroganza di questo governo.. ciechi e sordi verso le persone, ma attenti e servitori degli interessi economici.
    Vi abbraccio tutti. Susanna.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui