L’Italia è ancora in mano agli ingrassatori di porci #MandiamoliVia

0
0
ingrassatori-di-porci
Pubblicità

Lo Stato rappresenta delle bande e non gli italiani.

Pubblicità

La volontà del popolo non conta niente perché i cittadini non possono partecipare alla vita pubblica e sono obbligati a delegare i propri interessi a una classe politica di vili affaristi.

I poteri forti, per di più, censurano e disinformano gli italiani tramite le televisioni e i giornali: i servi di regime nascondono le notizie scomode e fabbricano notizie false da dare in pasto agli imbecilli che ancora ci credono.

La rete ha risvegliato le coscienze, ma non ha fatto abbastanza: l’Italia è ancora in mano agli ingrassatori di porci. Perché la censura continua a imperversare.

Nonostante gli scandali di Expo, Mose, Mafia Capitale e Consip i maiali ancora mangiano indisturbati, grazie a governi e media compiacenti.

Ma ci resta la speranza.

Il 2018 è l’anno del redde rationem: i cittadini potranno finalmente andare alle urne e annientare con una matita questa classe politica. Il loro tempo sta per scadere: #MandiamoliVia

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui