Affluenza primarie, il Pd dà i numeri e si rischia il flop

0
0
affluenza-primarie-pd
Pubblicità

Domenica prossima si terranno le primarie del Pd e nel partito si teme il crollo dell’affluenza.

Pubblicità

Inizialmente si stimavano due milioni di elettori, poi si è passati a uno e mezzo e infine a uno, un risultato che sarebbe un flop. Ma Matteo Renzi, il candidato favorito, ha già messo le mani avanti: “Se alle primarie votasse anche 1 milione di persone sarebbero sempre 999.999 in più di quelli che decidono ad Arcore o sul sacro blog,” ha dichiarato l’ex-premier.

Scrive Claudio Paudice sull’Huffington Post:

“Lentamente, l’asticella si abbassa. E gli esponenti del Pd, di volta in volta, si trovano costretti a rivedere la soglia minima dell’affluenza (auspicata) alle primarie che loro stessi avevano precedentemente fissato. Prima due milioni, poi un milione e mezzo, ora anche un milione può andar bene. Il soporifero Congresso del Partito Democratico, se non riserverà sorprese sotto il profilo dell’esito, rischia di destarne sul fronte della partecipazione. E non sarebbero affatto liete. In altre parole, l’obiettivo imposto dal doppio colpo subìto in una manciata di settimane (sconfitta al referendum costituzionale e scissione) di “riavvicinare il Pd alla sua gente” (cit. Andrea Orlando) potrebbe essere mancato in modo eclatante.”

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui