Elezioni, avevano 321 tessere elettorali nascoste in casa: 3 arresti a Napoli

0
0
tessere-elettorali
Pubblicità

I carabinieri hanno arrestato tre persone a Sant’Antimo, in provincia di Napoli, per aver promesso soldi in cambio di voti per il proprio candidato. Nel Comune campano si votava per le elezioni comunali.

Pubblicità

Le forze dell’ordine hanno fatto irruzione trovando 321 tessere elettorali: in ciascuna di esse era inserito un facsimile della scheda di voto con l’indicazione dei candidati da scegliere.

Leggiamo sul Fatto Quotidiano:

“Promettevano dai 30 ai 50 euro in cambio del voto al ‘loro’ candidato. Con un modus operandi per certi versi innovativo: si facevano consegnare la tessera elettorale e, quando l’elettore andava a riprenderla, trovava all’interno un facsimile con il nome da indicare nell’urna. La base delle operazioni era un’abitazione di Sant’Antimo, in provincia di Napoli, città natale e feudo elettorale di Luigi Cesare, deputato di Forza Italia, e della sua famiglia. Che, necessario sottolinearlo, nulla ha a che vedere con quanto scoperto dai carabinieri. I militari hanno arresto tre persone nel giorno delle elezioni comunali.”

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui