Editoria, tentata truffa e falso: chiesti 4 anni per Angelucci

0
0
angelucci
Pubblicità

Riporta Askanews:

Pubblicità

“Condannare l’imprenditore e parlamentare Pdl, Antonio Angelucci, a 4 anni di reclusione per i reati di tentata truffa e falso. Questa la richiesta del pubblico ministero davanti al giudice del tribunale di Roma, nell’ambito del processo sui contributi pubblici percepiti tra il 2006 e il 2007 per i quotidiani Libero e il Riformista. Il rappresentante della pubblica accusa ha sollecitato l’affermazione della penale responsabilità anche per i rappresentanti legali della “Editoriale Libero” e “Edizione Riformista”, Arnaldo Rossi e Roberto Crespi. Per i due manager è stata sollecitata una pena a 3 anni e sei mesi. Il pm, al termine del suo intervento, ha dichiarato prescritta l’accusa di truffa consumata. Per questa vicenda, nel giugno del 2013, la Guardia di Finanza eseguì un sequestro preventivo di 20 milioni. Secondo l’originale impianto accusatorio le due società hanno dichiarato di appartenere ad editori diversi per aggirare il divieto di richiedere contributi pubblici per più di una testata da parte dello stesso soggetto”.

Si legge sul Fatto Quotidiano:

“La Procura di Roma ha chiesto nei confronti dell’imprenditore e parlamentare del Pdl Antonio Angelucci una condanna a 4 anni di carcere nell’ambito del processo legato ai contributi pubblici per i quotidiani Libero e il Riformista. I finanziamenti sarebbero stati percepiti indebitamente nel 2006 e nel 2007, prima di essere bloccati, proprio a seguito dell’indagine. Per gli altri due imputati, Arnaldo Rossi e Roberto Crespi rappresentanti legali delle sue società ‘Editoriale Libero’ e ‘Edizioni Riformiste’, il pm Francesco Dall’Olio ha chiesto, invece, una condanna a 3 anni e sei mesi.

Secondo l’accusa le due società hanno dichiarato di appartenere a editori diversi per aggirare il divieto di richiedere contributi pubblici per più di una testata da parte dello stesso editore. Il pm al termine della requisitoria ha dichiarato prescritta l’accusa di truffa consumata. Per questa vicenda, nel giugno del 2013, la Guardia di Finanza eseguì un sequestro preventivo di 20 milioni nei confronti delle due società. Nel frattempo, lo scorso anno, Angelucci è diventato anche proprietario del Tempo. Il Riformista ha invece chiuso nel 2012”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui