Totò Riina malattia, nuova relazione medica: ‘Condizioni salute non compatibili con carcere’

0
0
toto-riina-malattia
Pubblicità

Totò Riina è balzato all’onore della cronaca qualche settimana fa per la sentenza che accoglie la sua scarcerazione in quanto avente il diritto ad una morte dignitosa.

Pubblicità

La decisione della Corte di Cassazione sul boss di Cosa Nostra, ricoverato all’ospedale Maggiore di Parma in regime di 41 bis, però, ha indignato la stampa e l’opinione pubblica.

Nel frattempo è arrivata una nuova relazione medica sulla malattia di Riina che, riporta Adnkronos, “potrebbe ribaltare l’ultima decisione del Tribunale di Sorveglianza di Bologna che, nel 2016, ha respinto la richiesta di misure alternative di detenzione per il boss, giustificate dai difensori con l’incompatibilità con il carcere per via delle sue condizioni di salute”.

Il legale di Totò Riina Luca Cianferoni ha spiegato che la relazione, richiesta tribunale di Milano su sollecitazione della difesa del boss, “è più analitica e dà conto dell’aggravarsi progressivo e netto del quadro clinico di Riina, come accade alle persone di questa età. Il tribunale di Sorveglianza l’ha già letta perciò oggi chiederò che prenda una decisione”.

E ancora:

“La relazione infatti è stata inviata al presidente del tribunale di Sorveglianza e alla Procura di Bologna ed è datata 4 luglio”.

Si tratta, prosegue Cianferoni, “di una relazione ampia e dettagliata di 4 pagine che certifica il fatto che le condizioni di salute di Riina non sono compatibili con il carcere. C’è stato un aggravarsi di tutte le sue patologie e ha necessità quotidiana di essere assistito. Non riesce neanche a deglutire. Il caso farà da precedente sulla scelta di fondo dello Stato riguardo queste persone sopra i 70 anni, con patologie gravi e condannati per gravi reati. Sono tante in Italia”.”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui