Nominato Grand’Ufficiale il CEO di British American Tobacco, che finanziò la fondazione di Renzi

1
0
Nominato-Grand’Ufficiale-il-CEO-di-British-American-Tobacco
Pubblicità

Vengono a galla gli intrecci tra la British American Tobacco (BAT) e lo Stato italiano grazie ad un articolo del Fatto Quotidiano a firma di Marco Maroni e Mariateresa Totaro.

Pubblicità

Nicandro Durante, CEO di British American Tobacco, è stato nominato Grand’Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia.

BAT, per chi non ne fosse al corrente, finanziò la Fondazione Open di Matteo Renzi. Non è una novità, se ne parla da qualche anno, ma ci si chiede perché qualche giorno fa Nicandro Durante sia stato nominato Grand’Ufficiale. E perché Bernando Giorgio Mattarella, figlio del capo dello Stato, abbia ricevuto un incarico proprio dalla BAT per un parere in merito alle accise sul tabacco.

L’esponente 5 Stelle Emanuele Scagliusi ha depositato una interrogazione in Commissione Affari Esteri e Comunitari per “comprendere e chiarire quali siano state le ragioni di tale nomina”. Con quali meriti, si chiede scagliusi, Nicandro ha ricevuto l’onoreficenza.

Scrive Scagliusi sul suo blog:

“Forse non tutti ricordano che la British American Tobacco (BAT) ha largamente contribuito finanziariamente alla Fondazione OPEN riconducibile all’ex premier Renzi oltre che ad altri ex ed attuali ministri come la Boschi. Infatti, come si può vedere dal sito istituzionale della fondazione, la BAT risulta essere il primo finanziatore con 150 mila euro versati.

Con l’interrogazione chiedo di sapere quali siano stati i meriti dell’Amministratore delegato di British American Tobacco che hanno portato all’assegnazione dell’onorificenza al dottor Durante e se tale procedimento possa essere risultato condizionato da fattori estranei ai requisiti previsti dalla normativa vigente.”

In merito alla consulenza di Mattarella junior per BAT, Il Fatto Quotidiano spiega:

“Che la Bat sappia muoversi in Italia ad alto livello è dimostrato anche dall’incarico conferito il 28 settembre scorso a Bernardo Giorgio Mattarella, figlio del Presidente della Repubblica, per un parere proprio in merito alle accise sul tabacco. Niente di strano, visto che Mattarella junior è un insigne giurista. Controversa è però l’opportunità dell’incarico se si guarda alle date.

Il contratto con Bat è efficace dal 1 ottobre 2016, ma a quella data Mattarella era ancora a capo dell’Ufficio legislativo del Ministero della Funziona pubblica. Le dimissioni saranno formalizzate il 3 ottobre.

I legali di Mattarella fanno sapere che le dimissioni erano state annunciate da tempo, sono diventate effettive il 30 settembre ma la data della formalizzazione risulta quella del 3 ottobre solo perché è il primo giorno lavorativo utile dopo il fine settimana.

Circostanza che non fuga i dubbi sull’opportunità”

Pubblicità

1 commento

  1. ancora parlate di questo ciarlatano più ne parlate e forse acquista consenso cge fosse un affarista l’abbiamo capito sin da subito berlusconi abbiamo messo più tempo ma quando ha invaso le istituzioni di affaristi è mafiosi gli abbiamo voltato le spalle questo è molto più sottile del Berlusca sperando che i giovani non cadono nella rete.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui