Telese: ‘Caro Matteo i risparmiatori non rimborsati come la signora Giovanna non sono una barzelletta’

3
4
risparmiatori-truffati
Pubblicità

Una anziana truffata dalle banche sabato scorso ha interrotto la presentazione del libro di Matteo Renzi urlando: “I soldi ai risparmiatori, ci avete rubato i soldi.”

Pubblicità

La reazione di Renzi ci ha lasciato senza parole: “Avete rubato lo dice a sua sorella,” ha replicato l’ex premier.

In un altro post abbiamo riportato il post di Gianluigi Paragone sul Fatto Quotidiano, “intitolato Colpevolizzare, spaventare e schedare: la strategia (perdente) di Renzi contro i risparmiatori”.

Crediamo che sia degno di nota il commento di un altro giornalista, Luca Telese, che nel suo ultimo pezzo per Tiscali scrive:

“Sbaglia Matteo Renzi a rispondere “rubare lo dice a sua sorella!” a Giovanna Mazzoni, militante dell’associazione “No Salvabanche”? Sbaglia a prendere in giro la donna anziana che, durante la presentazione del suo libro a Bologna lo ha interrotto urlando e contestandolo sul tema delle banche? Secondo me sì, e provo a spiegare perché. Il segretario del Pd era sul palco, e la signora sventolava una bandiera bianca con scritto sopra: ‘No salva banche’ al grido di: “Centomila risparmiatori derubati, voglio i miei soldi indietro! Rivoglio i soldi che mi avete rubato!”.

Ed era visibilmente furibonda, Giovanna, forse addirittura sconvolta. Mentre la signora veniva trasportata via dal servizio d’ordine, Renzi dal palco continuava a giocare con il pubblico e a prenderla per i fondelli: “La cosa (cioè l’operazione) immagine l’ha fatta, ha fatto la foto, bene…”. E giù risate della platea. E ancora, dandole implicitamente della matta: “Non vi dimenticate che noi svolgiamo una funzione sociale…”. E giù – di nuovo – risate del pubblico. C’era qualcuno che spingeva la signora fuori dalla sala e lui, di nuovo ironico: “Se vuole restare con noi…Se sta con noi le rispondiamo: io ho un rapporto con le banche: ho due mutui”, le ha detto l’ex premier.

Applauso e risate. Il problema, dunque, non è che Renzi sia obbligato a prendersi degli insulti – ci mancherebbe altro – ma il tono è il modo con cui sceglie di rispondere. Prima di tutto, come se la vicenda di cui i risparmiatori non rimborsati fosse una barzelletta. Beh, non lo è affatto: è stato ed è un dramma, soprattutto per chi, come quella signora in quei crack ha perso ciò che ha risparmiato in una vita. Renzi si prenderebbe gioco di un terremotato che grida? Io non credo. Non capisco, dunque, perché chi è vittima della mala amministrazione di un istituito e della mancata vigilanza delle Istituzioni, e della difficoltà della politica di trovare un la soluzione dovrebbe ricevere un trattamento diverso, meno rispettoso.”

Leggi l’articolo integrale…

Pubblicità

3 Commenti

  1. No che se lo facciano nel suo vaticano ah gia dimenticavo nella loro costituzione non lo pemettono che li aiutino loro sta gente di briganti

  2. NO se lo faccia in Argentina nel manico0mio dove è stato ricoverato per ben 6 mesi,questo soggetto assatanato e anticristo….per come noto, o in Vaticano questo Politicastro fallito di infima categoria… anticattolico…

  3. no

    così dopo arrivano anche tutti i parenti che chiedono il ricongiungimento familiare

    fino a che grado di parentela se è come cittadino arriva a cugino biscugino e cosi via fino al 7 imo grado e noi dovremo accoglierli e dare case mangiare e soldi per campare
    lavoro non cè in questo modo ne arriverrano tanti e tutti regolari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui