Gianluigi Paragone: ‘Seminare zizzania nel M5S, il giochetto del sistema’

0
0
paragone-M5S
Pubblicità

L’ultima carta dell’establishment per indebolire il M5S è seminare zizzania con la vicenda delle primarie e impedendo al candidato pentastellato alla regione Sicilia Giancarlo Cancelleri di correre alle elezioni. Lo sostiene Gianluigi Paragone, che spiega in un video pubblicato su Facebook:

Pubblicità

“Se ti proponi come forza antisistema non ti devi sorprendere se poi il sistema reagisce.

Il sistema è quell’accordo tra il palazzo e la finanza, quindi banche, la ambienti speculativi, i poteri forti che ci sono, nonostante tutti i tentativi di svuotarne il significato, che vediamo sotto gli occhi continuamente.

Se tu ti opponi a questo sistema e proponi una piattaforma diversa, ecco che il sistema reagisce, e lo fa a norma di legge, cioè rispettando le leggi.

In Sicilia un tribunale formalmente ha ragione quando sospende le primarie del Movimento 5 Stelle e ponendo quindi a rischio la candidatura di Cancelleri, perché tra l’altro sabato scadranno i termini per la presentazione dei simboli e quindi è una corsa contro il tempo.

Però qui stiamo parlando di altro, qui stiamo parlando della sterilizzazione della politica: cioè tu per un formalismo burocratico impedisci al M5S, ad una comunità, di poter eleggere il proprio candidato.

Esattamente come a Genova, loro formalmente sono dalla parte della ragione quando, avendo una sentenza di condanna in primo grado, congelano tutti i soldi del bilancio della Lega impedendo di fatto la possibilità di fare una campagna elettorale.

Quindi, quando tu sei contro il sistema gode.

Nel sistema, e del sistema fanno parte i giornali, molti dei quali ci stanno sguazzando per questa vicenda delle primarie. I giornali volevano che i big dei 5 Stelle si scannassero tra loro, Di Maio contro Di Battista, contro Fico.

Volevano che ci fosse una specie di arena perché questa lotta avrebbe in qualche modo indebolito il Movimento 5 Stelle.

Noi tutti analisti, commentatori, sapevamo che il Movimento stava puntando le proprie fiche su Di Maio. Ma oggi fanno tutti i finti tonti perché vogliono e vorrebbero uno scontro teso a indebolire il Movimento 5 Stelle.

Vedremo intanto come andrà a finire questa storia della Sicilia. Venerdì, sabato e domenica sarò a Rimini, dopo vi racconto anche perché ho accettato il loro invito.”

Guarda il video pubblicato da Gianluigi Paragone su Facebook

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui