È partito l’attacco del sistema: così vogliono censurare il web

0
0
censurare-il-web
Pubblicità

Le fake news sono solo un pretesto del sistema per rubare ai cittadini una delle poche cose rimaste: la libertà di parola.

Pubblicità

I fake media in questi mesi, e soprattutto in queste ore, stanno lanciando un attacco coordinato contro la rete mascherato da guerra alle false notizie.

Il meccanismo è il seguente:

1. Si cercano i siti che pubblicano le peggiori porcherie
2. Si trova un utile idiota fan del M5S che è cascato in una bufala creata ad arte da qualche troll pidiota per creare confusione
3. Si scrive un articolo raccogliendo le peggiori scemenze condivise sui social da utenti e siti di bufale
4. Si fa credere ai cittadini che i 5 Stelle e chi fa informazione alternativa pubblicano solo fake news

Sia chiaro, il problema delle fake news esiste, e noi lo denunciamo da tempo. Anzi, il nostro sito è nato proprio per mostrare agli italiani i silenzi e le falsità dei media.

TV e giornali nascondono agli italiani tutte le porcate di un governo che ha portato il nostro Paese alla rovina e vomitano ogni giorno fango contro il M5S, l’unica forza politica che vuole salvarci da morte certa.

La settimana scorsa nessuno si è indignato per il video fake tagliato da qualche furbetto per far credere che Di Maio avesse detto che la Russia è un Paese del Mediterraneo. Qualche giornalista ci ha creduto, ha diffuso la bufala, e tutti i giornali, tranne l’AGI e Il Corriere della Sera (che hanno denunciato il fatto), l’hanno riportata.

Ora dovremmo chiedere a Facebook di chiudere tutte le pagine e i profili che hanno diffuso la falsa notizia. Potremmo risolvere in parte il problema dell’informazione in Italia.

Ma non lo facciamo.

Perché crediamo nella rete e sappiamo che, al contrario quanto accade con giornali e tv, qui le bugie hanno le gambe corte. Chi mente prima o poi viene smascherato.

Se qualcuno pubblica sistematicamente false notizie è giusto che i social o le autorità intervengano e rimuovano profili e contenuti, ma usare questi pretesti per gettare fango contro chi fa informazione alternativa è un espediente vile, da fare invidia ai peggiori regimi autoritari.

Se non denunciamo tutti insieme quanto sta accadendo lorsignori agiranno indisturbati e la prossima mossa sarà la censura completa di internet per salvare in extremis un sistema sull’orlo del tracollo.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui