Uova contaminate: l’Europa cede al ricatto delle multinazionali e non vieta il fipronil

0
0
uova
Pubblicità

Riportiamo di seguito la denuncia di Piernicola Pedicini, eurodeputato del M5S:

Pubblicità

“Il fipronil è una sostanza tossica per la salute e il suo uso sul territorio dell’Unione europea andrebbe vietato. Eppure, la Commissione europea dimostra tutta la sua incapacità a prendere decisioni che tutelano la salute dei cittadini: nella risposta all’interrogazione che ho presentato, subito dopo lo scandalo della commercializzazione, in Italia e in altri Paesi europei, di uova contaminate dall’insetticida Fipronil, si legge che questa sostanza non verrà vietata.

L’organo esecutivo della Ue fa sapere che: ‘non vede la necessità di revocare l’attuale autorizzazione del Fipronil come medicinale veterinario e biocida, considerato che le informazioni disponibili indicano che il rischio per la salute pubblica collegato ai residui di Fipronil nelle uova e nelle carni provenienti da galline ovaiole, conseguentemente all’impiego illegale di Fipronil in allevamenti di dette galline, è risultato molto basso ed è stato rapidamente contenuto’.

‘È tuttavia di primaria importanza – si legge nella risposta all’interrogazione – garantire che siano adottate tutte le misure necessarie per prevenire e individuare l’uso illegale di medicinali veterinari e di biocidi, compreso il Fipronil (…) È noto che il Fipronil può avere effetti nocivi sul sistema nervoso centrale, sul fegato e sulla tiroide, in funzione della dose e della durata di esposizione”. È assurdo. La Commissione ammette che questo insetticida provoca danni alla salute umana, ma decide di non fare nulla. Quali interessi stanno tutelando?’.”

Cosa si rischia se viene ingerito il Fipronil

Spiega Rainews:

“Il fipronil è usato come principio attivo in prodotti commerciali antiparassitari per gli animali da compagnia, a una concentrazione di circa 9.8%. Si tratta, insomma, di un insetticida volutamente blando, pensato per trasformare gli insetti contaminati in “untori” per tutta la loro colonia. In ogni caso e’ categoricamente vietato nei trattamenti anti-pulci di animali destinato al consumo umano, perchè secondo l’Oms è pericoloso per fegato, reni e tiroide. Se una persona viene esposto al fipronil a forti dosi si possono osservare ipereccitabilità, irritabilità, tremori e, ad uno stadio più grave, letargia e convulsioni. I sintomi sono reversibili, una volta terminata l’esposizione. La sostanza si assorbe lentamente attraverso l’intestino; per ridurre l’assorbimento i medici consigliano di usare una lavanda gastrica, un purgante salino o carbone attivo. Non è noto un antidoto specifico. In ogni caso si parla di alte dosi: non dovrebbe essere il caso dell’attuale scandalo alimentare, ma di certo sarebbe meglio evitare”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui