Una ragazza sta per soffocare, il marò Latorre le salva la vita

0
0
Pubblicità

Chiara Giannini sul Giornale ha ricostruito la vicenda del salvataggio di una ragazza che stava per soffocare da parte del marò Massimiliano Latorre.

Pubblicità

L’episodio è accaduto il 9 dicembre scorso alle celebrazioni per Santa Barbara, patrona dei marinai, a Imola: il militare, mentre tornava a casa con un amico, ha notato una donna distesa a terra in preda ad una crisi epilettica. Latorre è intervenuto immediatamente aprendo la bocca della ragazza e tirandole fuori la lingua.

Con questa mossa il marò ha salvato la vita alla giovane donna, racconta Il Giornale:

“Massimiliano Latorre, uno dei due fucilieri di Marina coinvolti nella vicenda della Enrica Lexie, ha salvato la vita di una giovane che stava soffocando.

Il marò, ospite lo scorso 9 dicembre alle celebrazioni per Santa Barbara, patrona dei marinai, a Imola, dove si è tenuto il raduno del gruppo dell’Emilia Romagna dell’associazione Leone di San Marco, stava rientrando a casa dell’amico Elvio Pazzi, tra gli organizzatori della manifestazione, quando ha notato una donna distesa a terra e altre persone di fronte a lei, terrorizzate, che non sapevano cosa fare. Senza perdersi d’animo, Latorre si è precipitato di fronte alla ragazza e si è reso conto che la stessa era in preda a una crisi epilettica e che stava soffocando. Le ha, allora, aperto la bocca e tirato fuori la lingua, salvandole, di fatto, la vita. Poco dopo è arrivata un’ambulanza che ha portato la giovane al pronto soccorso più vicino, dove è stata visitata e curata. Alcuni giorni dopo Massimiliano è stato ringraziato dalla diretta interessata per il bel gesto.”

Ma non è la prima volta che Latorre salva la vita di una persona:

“Quando era detenuto in India – prosegue Chiara Giannini nel suo articolo – si gettò addosso a un giornalista del “The New Sunday express” impedendogli, di fatto, di finire investito da un mezzo in movimento”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui