La fake news di Andrea Romano su Rousseau, l’associazione collegata al M5S

0
13
rousseau
Pubblicità

“C’è un rapporto, a mio parere opaco e condannabile, tra i deputati dei 5 Stelle e un’azienda privata, la Rousseau, che ha come amministratore unico un signor Davide Casaleggio”.

Pubblicità

Lo ha detto Andrea Romano del Pd intervenendo in studio a “L’Aria Che Tira”, trasmissione condotta da Myrta Merlino su La7.

Rousseau, però, non è un’azienda privata, ma un’associazione che, come si può leggere nello statuto “ha lo scopo, senza il perseguimento di alcuna finalità di lucro, di promuovere lo sviluppo della democrazia digitale nonché di coadiuvare il ‘MoVimento 5 Stelle’ ed i suoi esponenti nell’organizzazione, promozione e coordinamento delle attività e dei servizi necessari ed utili per l’esercizio dell’azione politica e culturale ed il perseguimento dei suoi obbiettivi”.

Purtroppo nessuno in questa occasione ha telefonato in studio per sbugiardare Romano, come ha fatto due volte il sindaco di Livorno Filippo Nogarin per smentire le bugie del piddino sul reddito di cittadinanza livornese.

“Tutti i parlamentari dei 5 Stelle – ha proseguito l’esponente dem – devono versare obbligatoriamente 300 euro a questa azienda privata ogni mese. E’ la prima volta che accade nella storia repubblicana che dei parlamentari siano obbligati a versare una quota ad un’azienda privata. Allora io mi aspetto che Fico, che ha preso questo impegno di fronte alle Camere, dica qualcosa su questo. Secondo me questa è una violazione della dignità di tutta la Camera dei Deputati, di tutti i deputati. Siccome lui ha parlato di un argine da porre al conflitto di interesse, a eventuali contatti esterni opachi, mi aspetto che dica qualcosa. Su questo si misurerà la loro qualità, non su quello che hanno fatto. Uno può giudicare il passato di qualunque persona, ma su quello che faranno da ora in poi, come presidenti della Camera e del Senato. Io mi aspetto che svolgano benissimo le funzioni di garanzia e siano coerenti con quello che hanno detto alle Camere, compreso Roberto Fico su questo aspetto importante”.

Quanti soldi arrivanno alla Casaleggio associati dai parlamentari M5S? ZERO

In un articolo pubblicato il 26 marzo scorso su Democratica, il giornale piddino che ha sostituito la defunta “Unità”, Romano ha scritto che “ogni mese arriveranno [dalla Camera dei deputati ndr.] nelle casse (private) di Davide Casaleggio 67.800 euro: che equivalgono a 813.600 euro l’anno e, nel caso in cui la XVIII abbia di fronte a sé cinque anni, a poco più di quattro milioni di euro”.

Il servizio di fact checking dell’AGI in un articolo intitolato “Quanti soldi arrivanno alla Casaleggio associati dai parlamentari M5S?” ha dato “sostanzialmente ragione” al detective Romano, sostenendo che Davide Casaleggio è il titolare dell’Associazione Rousseau. Però, precisano, parlare di casse “private” di Casaleggio è una forzatura.

Tuttavia l’AGI non risponde alla domanda posta nel titolo dell’articolo, ovvero quanti soldi passano dai parlamentari 5 Stelle alla Casaleggio Associati, l’azienda privata di Davide Casaleggio.

Ve lo sveliamo noi, visto che nessuno l’ha voluto dire: ZERO.

AGI: Ci scusiamo per l’errore con i lettori e il M5s

L’AGI ha chiesto scusa ai propri lettori dopo la replica del Movimento 5 Stelle. Di seguito la rettifica dell’agenzia:

«Prendiamo atto della replica di M5s che conferma molte delle cose contenute nel factchecking di AGI/Pagella Politica. In particolare, dove si dice che: “Davide Casaleggio è il titolare dell’Associazione Rousseau, proprietaria della piattaforma Rousseau, che da statuto del M5S è lo strumento con cui si consultano gli iscritti. In base al regolamento accettato dai candidati del Movimento, una volta eletti deputati e senatori devono versare 300 euro al mese per il mantenimento di Rousseau”. Su un altro punto però il testo presta il fianco alle critiche del M5s laddove, citando una inchiesta del Foglio, asserisce che ci sarebbe una sostanziale coincidenza fra la Casaleggio Associati srl, di cui Davide Casaleggio è amministratore, e l’associazione Rousseau di cui Davide Casaleggio è presidente senza alcun compenso. È quindi scorretto asserire che “ogni mese arriveranno [dalla Camera dei deputati, ndr.] nelle casse (private) di Davide Casaleggio 67.800 euro: che equivalgono a 813.600 euro l’anno e, nel caso in cui la XVIII legislatura abbia di fronte a sé cinque anni, a poco più di quattro milioni di euro”. Le cifre sono corrette, ma le casse non sono private: non sono quella della srl, ma di una associazione senza scopo di lucro e il fatto che ci sia una coincidenza fra l’amministratore della prima e il presidente (nonché tesoriere) della seconda non ci consente di parlare di “casse private”. Ci scusiamo per l’errore con i lettori e il M5s.»

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui