25 aprile, Di Maio: ‘Uomini e donne di idee diverse costruirono per l’Italia un futuro di pace e democrazia’

0
61
Di-Maio

25 aprile, Di Maio ha pubblicato un brevissimo post sul Blog delle Stelle in ricordo della Festa della Liberazione dal nazifascismo.

Il leader 5 Stelle ha scritto che “73 anni fa donne e uomini di idee diverse sconfissero insieme la dittatura nazifascista e costruirono per l’Italia un futuro di pace e democrazia.”

“Furono – si legge ancora – le madri e i padri della nostra Costituzione, faro di ogni nostra scelta politica.”

Il messaggio di Luigi Di Maio va probabilmente interpretato in chiave politica: Pd e 5 Stelle, che hanno idee diverse, potrebbero fare un accordo per creare un futuro per l’Italia, proprio come nel 1945 fecero gli “uomini e le donne” che liberarono l’Italia.

Al termine del colloquio che si è tenuto martedì con il presidente della Camera Roberto Fico (incaricato da Mattarella di sondare la possibilità di un governo Pd-M5S), il segretario reggente dem Maurizio Martina ha dichiarato di essere aperto al dialogo con i 5 Stelle per formare il nuovo esecutivo, a patto che i pentastellati chiudano la porta alla Lega.

La chiusura alla Lega da parte del M5S c’è stata qualche ora dopo, quando Di Maio, dopo le consultazioni tra Fico e la delegazione pentastellata, ha dichiarato “che in modo ufficiale che qualsiasi discorso con la Lega si chiude qui”.

Salvini, ha spiegato il capo politico 5 Stelle, “ha deciso di condannarsi all’irrilevanza per il bene del suo alleato, invece che andare al Governo per il bene degli Italiani”.

Ma la corrente renziana del Pd, cioè la stragrande maggioranza del partito, è pronta a sabotare l’accordo tra M5S e Pd per la formazione del governo.

Dopo le dichiarazioni di Martina al termine del colloquio tra la delegazione del Partito Democratico e il presidente della Camera Roberto Fico, come riportato in un altro articolo, ha cominciato a circolare sui social network l’hashtag #senzadime.

E vari esponenti di spicco renziani hanno detto esplicitamente che voteranno contro l’accordo.

Il deputato dem Michele Anzaldi, ad esempio, si è chiesto se “davvero qualcuno nel Pd pensa di fare il governo con Di Maio e Casaleggio?” e ha affermato che l’apertura di Martina è un “messaggio incomprensibile e umiliante” per gli elettori del Pd.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here