Di Maio: ‘Decreto Dignità approvato in Consiglio dei Ministri. È la Waterloo del precariato’

1
95
Decreto-Dignità-approvato-in-Consiglio-dei-Ministri

Decreto Dignità approvato in Consiglio dei Ministri! È la Waterloo del precariato. Cominciamo a restituire i diritti ai cittadini. Le persone tornano a essere persone!”

Lo ha annunciato su Facebook Luigi Di Maio nella tarda serata di ieri.

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico ha spiegato che grazie a questo decreto si disattiva il redditometro e lo spesometro prevederà soltanto un adempimento all’anno invece delle comunicazioni trimestrali e lo split payment non esiste più per i professionisti.

“È finita l’epoca del precariato, abbiamo limitato la possibilità di abusare dei contratti a tempo determinato e abbiamo aumentato le penali quando ci sono gli ingiusti licenziamenti sul contratto a tempo indeterminato: significa un po’ più di serenità,” ha detto Di Maio, che ha aggiunto: “Poi dovremo abbassare il costo del lavoro, faremo a fine anno la legge di bilancio, dovremo intervenire su tante cose per le imprese per aumentare ancora la stabilità”.

“Però – ha sottolineato – questo è un primo passo per dire che non possiamo rinnovare i contratti a tempo determinato all’infinito ai giovani e ai meno giovani senza dargli un po’ di serenità”.

“Vi ho detto per anni che serviva una legge per dire che chi veniva in Italia e prendeva soldi pubblici non se ne poteva andare all’estero quando voleva. Ve l’ho detto per anni, l’abbiamo fatto: c’è una legge oggi per lo Stato nel decreto dignità che dice che non solo chi delocalizza ci deve ridare i soldi con gli interessi pari a 2-4 volte pari a quello che hanno preso, ma in più se prendono soldi e poi cominciano a delocalizzare in parte nei paesi dell’Unione Europea, cominciano a licenziare dipendenti, allora gli chiediamo i soldi indietro con gli interessi”.

Il vicepremier ha anche fatto sapere che è stata vietata la pubblicità del gioco d’azzardo: “Diventiamo il primo paese in Europa che vieta totalmente la pubblicità sul gioco d’azzardo”.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here