Daisy Osakue, Laura Tecce: ‘Ristabiliamo la verità dei fatti rispetto al lancio delle uova’

1
0
Daisy-Osakue
Pubblicità

È possibile parlare di episodio a sfondo razzista per il caso del lancio delle uova a Daisy Osakue, l’atleta azzurra di origine nigeriana?

Pubblicità

Secondo la giornalista Laura Tecce “ovviamente no” ed è quindi necessario ristabilire “la verità dei fatti così come ogni giornalista degno di questo nome dovrebbe fare”.

I giornali riportano che Osakue è stata colpita al volto con delle uova mentre tornava a casa a Moncalieri, Torino.

Laura Tecce spiega però che proprio “nella zona di Moncalieri nei giorni scorsi un pensionato italiano ha denunciato un lancio di uova da una macchina in corsa sulla sua abitazione; la sera di mercoledì 25, dalla stessa macchina sono state scagliate uova contro tre donne, nessuna delle quali di colore, mentre uscivano dal ristorante”.

E’ sbagliato dunque parlare di “episodio razzista” secondo Tecce ma “quando si è accecati dal furore ideologico e si vuole montare un caso basandosi su tesi preconcette questo è il risultato”.

L’atleta ha dichiarato in merito all’incidente:

“In quella zona ci sono diverse prostitute, mi avranno scambiate per una di loro. Io non escludo i motivi razziali. Non voglio essere criticata per questo, ma secondo me mi hanno lanciato quel uovo, in viso, da un’auto che viaggiava a tutta velocità, semplicemente perché sono di colore. Spero che trovino i responsabili: solo così si potrà sapere il motivo del gesto”.

Secondo quanto riportato dall’ANSA, però, “per i Carabinieri invece sono esclusi i motivi razziali. Nei giorni scorsi precisano, era già stato segnalato a Moncalieri, il Fiat Doblò da cui la scorsa notte è partito il lancio di uova che ha ferito al volto Daisy Osakue ed erano stati segnalati altri lanci di uova contro passanti”.

Pubblicità

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui