Travaglio: ‘I giornaloni non riescono a digerire che quando Mattarella rispedì a casa Conte molti italiani si siano incazzati da soli’

44
4
Travaglio
Pubblicità

Marco Travaglio torna sul caso degli ‘attacchi troll‘ contro Mattarella nel suo editoriale di oggi.

Pubblicità

Il direttore del Fatto Quotidiano si dice ironicamente cultore del nuovo genere letterario di giornaloni, quello delle “fake news sulle fake news” e per questo non vuole perdersi neanche una puntata dello spettacolo a cui assistiamo da giorni, ovvero quello “dell’establishment che prende scoppole in tutto il mondo perché sta sulle palle ai cittadini e, anziché guardarsi allo specchio, cerca in Russia la spiegazione dei suoi continui fiaschi”.

Travaglio elenca tutte le sconfitte del Sistema dal 2016 a oggi: Clinton negli USA, la Brexit, il referendum del 4 dicembre, le elezioni del 4 marzo e la rivolta dei cittadini contro la decisione di Mattarella di bloccare la formazione del governo gialloverde per via di Paolo Savona il 27 maggio scorso.

Di tutte queste disfatte, il responsabile sarebbe Putin con i suoi “troll”, non i cittadini che alle urne hanno punito la vecchia politica.

“Il bello” osserva il giornalista “è che i fabbricanti di complotti un tanto al chilo sono gli stessi che accusano i populisti sovranisti di complottismo”. “Dopodiché” aggiunge “anche i loro complotti, alla prova dei fatti, si rivelano quello che sono: balle, bufale, patacche, fake news (al cubo)”.

Travaglio ricorda il caso della fake news su “Beatrice Di Maio”, profilo Twitter, additato da Jacopo Iacoboni su La Stampa “come il Grande Vecchio grillin-casaleggiano delle fake news contro Renzi, Boschi, Lotti & C.: peccato fosse la moglie di Brunetta”.

“Una storia da manuale del boomerang” prosegue “che fa il paio con le accuse di razzismo lanciate dal Pd al governo Conte” nella vicenda del lancio delle uova contro l’atleta nera Daisy Osakue. Le uova furono lanciate dal figlio di un consiglere del Pd con i suoi amici.

Leggi l’articolo di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano…

Pubblicità

44 Commenti

  1. Bravo bel Travaglio, sri entrato anche tu nelle élite di quelli che fanno opinione pur non avendone mai una propria, ma solo dicendo no a tutto e a tutti, come il rosso parolaio Bertinotti.

  2. Travaglio io ti considero un bugiardo da strapazzo e per me il tuo giornale aveva chiuso i battenti da tempo. Ma questa volta concordo su quanto hai scritto.Mattarella penso sia il presidente meno amato dagli italiani perché con il caso Savona la fece “fuori dal vaso” rappresenta proprio la ex politica gretta e lontana dai sentimenti del popolo.Quanto al resto continui a dire tante puttanate. Ba’ fai bene finché trovi degli idioti che ti comprano il giornale.

  3. Ed è meglio che continuino a non capirci una mazza. Eviteranno così di continuare a fare disastri. La gente comune è meno cretina di quanto loro sperano…

  4. Quelli che Lei ammira tanto hanno i numeri per cambiare la Costituzione e abrogare il diritto/dovere del Presidente della Repubblica di non accettare i nomi dei ministri qualora non ravvedesse le loro specchiate qualità morali, allora il problema non si porrebbe più.m

  5. Si è tentato insomma di blindare le opinioni di Mattarella minacciando coloro che dissentivano. E poiché erano diventati davvero troppi la propaganda per salvargli l’immagine ha provato a mettere su il complotto trollista. Bravo Marco.

  6. Marco Travaglio è considerato uno dei migliori giornalisti investigativi a livello internazionale parla solo riportanti i fatti provati e denigrarlo e solo da imbecilli

  7. Marco Travaglio è considerato uno dei migliori giornalisti investigativi a livello internazionale parla solo riportanti i fatti provati e denigrarlo e solo da imbecilli

  8. Sarebbe ora invece a proposito di in cassare soldi togliendo tutti i portaborse che non sono altro assunti da loro stessi, mettere le mani anche a cominciare dai privilegi che hanno in parlamento togliere tutto la barba.che se la facciano con la carta vetrata anziché pagare un barbiere 12000 €al mese, le sciacqualattughe che ci governano che si facciano I capelli nella fontana di trevi!

  9. Infatti questi dei giornaloni, come molti del pd, non si fanno due domande. Basterebbe anche una. È un atteggiamento egocentrico quello di non chiedersi nulla e di dare la colpa agli altri che non capiscono, oppure strumentalizzano, oppure sono populisti… Purtroppo c’è chi non sa cosa sia la libera informazione. In fondo non è colpa loro. Non la conoscono perché, negli ultimi anni, non ne hanno mai fatto esperienza!

  10. C’era una volta Marco Travaglio, faro illuminato e illuminante sulle nebbie della prima e seconda repubblica. Personalmente dispiace vederlo appiattito su questa sorta di armata Brancaleone, dispiace tanto. Ecco, come allievo di Montanelli, che da mosca nocchiera non ha mai fatto per nessuno, dispiace tanto. Personalmente, lo so.
    Io rimango in direzione ostinata e contraria. Saluti.

  11. La differenza fra te’ e Grillo è che lui almeno fa’ ridere tu’ invece sei ridicolo e ti assicuro non è la stessa cosa

  12. Sono d’accordo …la informazione e manipolata da quelli che posseggono il potere …tutto e colpa de qualcun “altro”, la Russia…M5-Lega…mai si analizza in fondo il problema …bisogna evitare che qualcuno posa “pensare” …

  13. Che cazzate!!! Mattarella aveva il diritto costituzionale (esercitato anche da altri presidenti prima di lui) di accettare o respingere i nomi proposti per i ministri. Il troiaio scatenato da costituzionalisti dilettanti, basato su un bigino evidenziato e riprodotto solo in parte, fu rimbalzato volutamente su Twitter. Se Travaglio, come Di Maio, fu così gonzo da abboccare, lo dica, si scusi e la pianti. Ammettere i propri errori è sintomo di maturità politica.

    • Il presidente della repubblica ha diritto di non accettare un ministro nel caso in cui ci sia incompatibilita’ con la carica di mi istro non perché ha un punto di vista politico diverso dal suo

  14. Mattarella non agiva certo da solo e per sé stesso. Il problema non era che Savona stava antipatico a lui ma a quelli che lo hanno fatto Presidente ovvero a tutta l’elite economico-politico- finanziaria che si premura di rappresentare a costo della popolarità.

  15. Mi fanno ridere sti ladroni corrotti che piagnucolano sui loro giornali, dopo averci impoveriti e derubati da sempre. Ma non basta bisogna dar seguito a quanto promesso nel vaffa day, mandarli tutti fuori a calci in Culo e prima processarli, fargli restituire tutto e mandarli in galera

  16. Invece tu e il tuo fumettino… Non fate altro che inventarvi diritti costituzionali x i vostri sponsor politici e quando c’è da verificare l’operato dei tre re magi cerchi di svicolare dalla realtà. W questa è l’ultima volta che ti o regalato il mio tempo, fai letteralmente pietà. Angelo.

  17. Sono passati più di cinque mesi dalle elezioni del 5 marzo e siamo, di fatto, senza governo. Questo lo dobbiamo anche a.giornalisti come Travaglio.

  18. Travaglio è ad oggi un portaborse di questo governo, sostiene di volta in volta l’insostenibile. Ammirevole è lo sforzo intellettuale di derivare una logica per difendere le molteplici posizioni, talvolta allucinanti, di questo o l’altro esponente. Vale tutto in difesa del concetto che “loro” siano migliori degli “altri”. Ricorda molto il tipo in autostrada che alla notizia di un automobile contromano esclama: “una??? Tutti!!!!”

    • Incredibile, volete capire che il fatto è l unico quotidiano che si mantiene unicamente con le vendite, non riceve alcun finanziamento p bblico, non ha padroni da dovsr difendere anche quando delinquono.
      Se togliessero il finanziamento pubblico rimarrebbero due o tre testate.
      Il fatto non difende nessuno per pafte presa, difende solo la verità s l onestà intellettuale, cosa oramai insolita.
      W IL FATTO QUOTIDIANO.

  19. Travaglio io ti considero il migliore giornalista italiano che dice i fatti come stanno e coloro che dicono contro di te sono solo dei grossi idioti!

  20. Travaglio è uno dei pochi giornalisti che meritano di essere sentiti. La maggioranza di coloro che ne parlano male sono il risultato della ignobile campagna denigratoria messa in atto quasi tutti quei giornali ormai in via di estinzione foraggiati da
    poteri che prima o poi pagheranno lo scotto della loro presunzione.

  21. Agli odiatori di travaglio auguro di schiattare di bile inssieme al al Pd di cui sono servi e vogli ricordagli che comunque vadano le cose non credo ci sara’ piu” un congesso di Vienna che loro tanto sperano ..

  22. Quando a parlare non è il giornalista ma il giornalaio allora si capisce perché gli altri sono giornaloni e ad incazzarsi sono gli italiani e non i fans webdiretti.

  23. Travaglio, ho finito di seguirti la sera che hai fatto quella figura pellegrina da Santoro. Ti ascoltavo sempre, e mi aspettavo che non appena tu ne avessi avuto la possibilità a Berlusconi lo faceni nero. Hai fatto scena muta, e, non so per quale motivo. La delusione che ho provato mi ha fatto aprire gli occhi. E dire che ho contribuito con un somma simbolica al FattoQuitiduano e alla trasmissione di Santoro
    Quindi, ora lascia stare Mattarella , il problema non è lui
    Il problema sei tu e i tuoi nuovi amici

  24. Ovviamente parliamo o sparliamo di Marco Travaglio ma il problema è Mattarella. Se in questo Paese sia ancora possibile dissentire dalle sue scelte-impugnatura senza rischiare l’arresto per lesa maestà. E per questo dobbiamo dire grazie a Travaglio non certo a Repubblica. Bonini steso per ko tecnico alla prima ripresa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui