Diciotti, Conte: ‘Prendiamo atto che l’Europa ha perso una buona occasione’

5
11
conte-diciotti-europa
Pubblicità

“L’Italia è costretta a prendere atto che l’Europa oggi ha perso una buona occasione: in materia di immigrazione non è riuscita a battere un colpo in direzione dei princìpi di solidarietà e di responsabilità che pure vengono costantemente declamati quali valori fondamentali dell’ordinamento europeo”.

Pubblicità

Lo scrive su Facebook Giuseppe Conte in relazione al caso Diciotti, per la cui soluzione aveva auspicato l’intervento di Bruxelles con la redistribuzione dei migranti che si trovano a bordo della nave.

“Nel corso della riunione convocata d’urgenza dalla Commissione Europeae che si è appena conclusa” ha fatto sapere il presidente del Consiglio “non è stato dato alcun seguito alle Conclusioni deliberate nel corso dell’ultimo Consiglio Europeo di fine giugno”.

“Anzi” ha continuato “Da parte di alcuni Stati è stato proposto un passo indietro, suggerendo una sorta di regolamento di Dublino ‘mascherato’, che avrebbe individuato l’Italia come Paese di approdo sicuro, con disponibilità degli altri Stati a partecipare alla redistribuzione dei soli aventi diritto all’asilo, che notoriamente sono una percentuale minima dei migranti che arrivano per mare”.

“Eppure” ha aggiunto Conte “è noto a tutti che l’Italia sta gestendo da giorni, con la nave Diciotti, una emergenza dai risvolti molto complessi e delicati”.

“Ancora una volta” ha proseguito “misuriamo la discrasia, che trascolora in ipocrisia, tra parole e fatti”.

“Bene. Se questi sono i ‘fatti’ vorrà dire che l’Italia ne trarrà le conseguenze e, d’ora in poi, si farà carico di eliminare questa discrasia perseguendo un quadro coerente e determinato d’azione per tutte le questioni che sarà chiamata ad affrontare in Europa,” ha concluso.

Pubblicità

5 Commenti

  1. Sicuramente l’Europa non ci prende sul serio. In più ci si mette anche l’informazione data dai vari giornali e reti televisive che non fanno altro che infossare con le loro notizie false e tendenziose , le problematiche del paese.Per quello che posso dire, io penso che a questo punto, ho riportiamo le persone della nave Ciotti in Libia subendo così grosso caos da parte dei dimostranti per l’immigrazione, ma tutto finirebbe in pochi giorni con la prossima notizia. O ancora una volta li teniamo facendo però in modo che sia veramente l’ultima e organizziamo un blocco che possa evitare a qualunque nave di entrare in acque Italiane con passeggeri non autorizzati dal nostro paese.

  2. e’normale che non ci prendono sul serio i primi a remare contro sono gli stessi politici del pd e tutti gli altri che partiti che rosicano perche’non sono stati eletti,dovete rimpatriarli e tenere solo chi ne ha diritto,solo cosi si possono bloccare queste invasioni

  3. MA SI PUO!!!!! sE LA boldrini , la boski, saviano, gad lerner, sindacalisti vari ke hanno sfilato specialmente quella con erre moscia portassero a casa loro almeno 10 dei migranti la situazione sarebbe risolta nel minor tempo possibile

  4. ogni volta che sento il nome di RENZI mi viene lurticaria …dio si porta via tanta gente buona ‘¿ come ? non si porta via questo maledetto schifoso ¡¡¡

  5. e’ tempo che le future vedove inizino a piangere: la liberta e la democrazia ha un costo e non sempre e’ in denaro. Non abbiamo un esercito a difendere i confini ,a rendere sicuro il nostro sonno e che rimangono li solo per la pensione che per certuni raggiunge cifre esose ( quasi 3’000.00 euri netti /mese) ma abbiamo una politica che sino all’altro ieri ci ha venduto allo straniero. Europa? una chimera,e’ solo un costo che si aggiunge ad altri a carico del gia’ povero , non esiste una lingua che ci accomuni . Persone che per denaro fanno di tutto….pure che l’europa e’ il futuro e dargli contro e’ come spararsi sui piedi, ma gia’ ci sparano e ci rapinano…..

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui