Di Maio: ‘Oettinger e tutti i commissari europei dovrebbero mordersi la lingua tre volte prima di fare dichiarazioni’

0
2
di-maio-oettinger
Pubblicità

“Oettinger e tutti i commissari europei dovrebbero iniziare a comportarsi da persone serie e mordersi la lingua tre volte prima di fare dichiarazioni”.

Pubblicità

Luigi Di Maio replica così al commissario al Bilancio Ue Güenther Oettinger, il quale in un’intervista allo Spiegel on line ha detto che si è confermata l’ipotesi che la bozza di bilancio 2019 italiano “non è conciliabile con gli obblighi esistenti nell’Ue”.

Poco dopo Oettinger ha però ritrattato quanto dichiarato in precedenza precisando che si tratta di una sua “opinione personale” e che non ha “detto che ci sia una decisione della Comissione Ue sull’Italia e nemmeno che questo giovedì o venerdì verra inviata una lettera con la bocciatura”

Di Maio ha ribattuto tramite Facebook:

“Come faceva il signor Palomar raccontato da Calvino, il quale se al terzo morso di lingua era ancora convinto della cosa che stava per dire, la diceva; se no stava zitto. In questo modo passava settimane e mesi interi in silenzio,” ha scritto.

“Questo comportamento” ha continuato “avrebbe risparmiato a Oettinger un bel po’ di figuracce. Prima dice che la UE rigetterà tutta la manovra, come se potesse sostituirsi al popolo italiano e decidere lui quali devono essere le misure economiche del nostro Paese. Poi smentisce e dice che non l’ha detto, ma che è sua OPINIONE personale che PROBABILMENTE verranno chieste all’Italia delle correzioni. Un’altra dichiarazione fuori luogo dopo quella che i mercati ci avrebbero insegnato a votare. Qua si pretende serietà dai commissari europei che si arrogano il diritto di decidere sulle sorti del nostro Paese. Ascolto e serietà”.

“Presto incontrerò la stampa estera per raccontare la Manovra del Popolo e il premier Conte è a Bruxelles proprio oggi per fare altrettanto con i capi di Stato europei. Oettinger e tutti gli altri commissari aprano le orecchie e ascoltino attentamente prima di sparare sentenze. Un rifiuto a prescindere è intollerabile. Gli impegni saranno rispettati, ma non si può più morire di austerità,” ha concluso.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui