Diego Fusaro: ‘Emma Bonino e la sinistra divenuta partito radicale di massa’

13
25
emma-bonino
Pubblicità

“Non si insisterà mai a sufficienza sui danni esiziali prodotti in Italia dal partito radicale segnatamente da Marco Pannella e da Emma Bonino“.

Pubblicità

Così Diego Fusaro in un video pubblicato sul proprio canale Youtube, in cui ha spiegato che si tratta di “una cultura politica che si è venuta affermando sempre più e che di fatto ha egemonizzato lo spazio politico e culturale delle sinistre”.

Ma non è tutto, perché la cultura politica “ha contribuito a ridefinirne integralmente il profilo sull’onda lunga del ’68 come rivoluzione colorata del capitale, o più precisamente come rivoluzione mediante la quale non si è prodotta l’emancipazione dal capitalismo, bensì del capitalismo” ha proseguito il filosofo.

Il capitalismo “si è venuto ridefinendo, a partire dal ’68, nelle forme oggi imperanti ossia della società self-service, libero individualistica con liberalizzazione integrale dei costumi e dei consumi, dove tutto è possibile per l’oltre uomo post-moderno, la volontà di potenza nietzschiana illimitata di marca consumistica” ha detto.

Il partito radicale, ha sottolineato Fusaro, “ha svolto da questo punto di vista un ruolo fondamentale nella misura in cui, secondo la profezia compiutamente si realizzata da Augusto Del Noce, ha di fatto egemonizzato lo spazio politico della sinistra che è divenuta un partito radicale di massa”.

E questo “lo diceva Augusto Del Noce in tempi non sospetti”, infatti “si è prodotto quello che egli stesso definiva in un suo importante saggio, ‘il suicidio della rivoluzione’, le sinistre hanno abbandonato completamente il loro profilo marxiano leniniano e gramsciano di lotta per il trascendimento del capitalismo di conflitto di classe a beneficio delle classi dominate subalterne, a nocumento delle classi dominanti” ha affermato.

“Abbandonato questo profilo, la sinistra si è riadattata ai rapporti di forza dominanti difendendoli e diventandone l’ala sinistra nella misura in cui ha accettato il codice antropologico del nuovo capitalismo di tipo liberal libertario individualistico, nemico di tutto ciò che ostacola il progresso” ha detto ancora Fusaro.

Guarda il video:

Pubblicità

13 Commenti

  1. Sono convinta che PD Forza Italia Radicali , sono tutti uniti per salvaguardare i loro interessi e stipendi.Partito? Chi se ne frega del partito…basta essere tutti insieme e pensare di fare i propri affari !!

  2. Sono convinta che PD Forza Italia Radicali , sono tutti uniti per salvaguardare i loro interessi e stipendi.Partito? Chi se ne frega del partito…basta essere tutti insieme e pensare di fare i propri affari !!

    • Purtroppo non sono sciocchezze ma problemi con cui occorre fare i conti giorno per giorno.
      I radicali,assieme al.PD sono la punta avanzata del.mondialismo.capitalista che causa la fame,l’indigenza,la mancanza di acque,le guerre tribali.e l’emigrazione di massane a lungo andare provocherà uns nuova guerra mondiale che devasterà il pianeta.

  3. NON MI SENTO DI ESPRIMERE GIUDIZI SU UNA RADICAL CHIC INUTILE NEL SUO CONTESTO POLITICO,SOCIALE E CULTURALE CHE DICE DI FARE POLITICA PER PASSIONE. ALLORA RESTITUISCA UNA BUONA PARTE DI QUATTRINI CHE HA INTASCATO AGLI ITALIANI.

  4. C’è sempre un equivoco di fondo: usare ancora il termine “sinistra” per riferirsi anche criticamente a forze politiche, a programmi, a personaggi che sono pienamente organici al sistema del capitale, che sono pienamente e unicamente reazionari. Non è sinistra il Partito democr…istiano, non sono sinistra i finti scissionisti sempre pronti a supportare con l’appoggio parlamentare o nelle giunte locali coloro con i quali non hanno mai rotto i ponti, non sono sinistra i loschi figuri sbavanti per una prospettiva di potere personale, di riconoscimento di vertice e internazionale. Oggi per la autentica sinistra è indispensabile sbarazzarsi definitivamente di qualsiasi residuo di referenzialita` nei confronti di queste forze politiche, di questi traditori, di questi nemici giurati: il loro disastro elettorale sia il baratro della distanza che li separa dalle più coscienti forze che realmente si oppongono al capitalismo e all’imperialismo europeo.

  5. Sono convinto che il prof. Fusaro faccia bene a rileggere attentamente Marx, Nietzsche e Gramsci nel verso giusto, stando attento a non capovolgere i libri.

  6. I radicali hanno avuto il compito di sostituire i diritti del popolo quali pensioni, lavoro, Reddito, con i cosiddetti “diritti civili” quali divorzio, aborto, discriminazione sessuale etc.
    Ovvio che prima o poi qualcuno, o più di uno, avrebbe capito che era una gran presa in giro dare certe libertà elitarie se contemporaneamente venivano meno i fondamenti.

  7. Infatti I radicali non saranno mai un partito di massa e le loro “vittorie” politiche (che non smettono di ricordare a tutti nonostante il tempo trascorso) le devono alla sinistra che ha preferito iindirizzare militanti su coppie di fatto, fecondazione eterologa, utero in affitto ed eutanasia mentre faceva affari con le grandi lobby e distruggeva tutele del lavoro e pensioni. Una grande opera sorosiana di distrazione di masse.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui