Sindacalista CGIL di un CAF consiglia come aggirare la legge del Reddito di Cittadinanza. È anche consigliere comunale del PD

4
0
dipendente-caf-palermo
Pubblicità

Ricorderete il servizio su La7 che Giletti ci ha fatto vedere e ha fatto vedere a Luigi Di Maio, ospite alla sua trasmissione ‘Non è L’Arena’. Nel filmato appariva, in anonimato e con linguaggio deformato, un consulente del CAF di Palermo che suggeriva a un utente del CAF che chiedeva consulenza sul Reddito di Cittadinanza, come aggirare le norme per averlo pur non avendone diritto. Durante la stessa trasmissione Luigi Di Maio immediatamente ha chiesto che la Guardia di Finanza procedesse a un accertamento. Cosa che è avvenuta con straordinaria rapidità.

Pubblicità

Si trattava di Sandro Russo del CAF palermitano di via Salita Partanna, come hanno scoperto le Fiamme Gialle nel blitz nella sede del CAF.

Il PD, FI e i giornaloni ogni giorno spargono dubbi e spingono sulla diffidenza, inventandosi qualcosa per incrementare la perplessità dei cittadini sul Reddito di Cittadinanza, una riforma sociale di importanza epocale.

Costoro sono sempre in servizio permanente effettivo dicendo che i furbetti si stanno organizzando per aggirare la legge e in maniera fraudolenta prendere il Reddito Di Cittadinanza.

Poi però si scopre che un consigliere comunale del PD, nell’offrire consulenza in un CAF come sindacalista della CGIL, consiglia a un cittadino, che va a chiedere informazioni, i sistemi migliori affinché un furbetto possa compiere la frode senza essere scoperto.

Naturalmente i giornaloni, quelli che si battono contro i furbetti, hanno cura di pubblicare senza nessuna evidenza, la notizia di un consigliere PD che si industria di addestrare un cittadino a fare il furbetto.

Immaginate cosa sarebbe successo se fosse stato un consigliere comunale del Movimento 5 Stelle a fare quello che ha fatto un consigliere del PD e sindacalista della CGIL.

Sarebbe stato un carosello infinito di titoloni in prima pagina e paginate a non finire per giorni.

Ma se lo fa un consigliere comunale del PD c’è un sostanziale silenzio.

Questa è la vergogna del PD e dei giornaloni italiani.

Il PD non è capace di operare con un minimo di coerenza: é la conferma della sua inesistenza politica.

I giornaloni invece non sono capaci di fare il loro mestiere di informare con correttezza e imparzialità i loro lettori, che infatti diminuiscono giorno dopo giorno.

Pubblicità

4 Commenti

  1. La7 e la Cgil pure, volevano solo dimostrare che la legge sul Reddito di Cittadinanza è facilmente sfruttabile anche da soggetti che non hanno diritto. È il mantra di tutti i talk
    interminabili di La7 e della Cgil a cui andrebbe tolta subito ogni competenza in materia di Reddito.

  2. Siete dei falsi patentati, come sempre,
    perche il soggetto di cui parlate non.e un sindacalista della Cgil, ma un dipendente del Caaf, che e cosa ben diversa, voi sapete solo spargere fango pernon.dire altro.

  3. andrebbero tolti i caf dalle mani dei sindacati, ma nessuno ne ha il coraggio!!!!
    sono uno dei cancri italiani i sindacati di oggi, sindacati che non tutelano più nessuno, che manifestano pro immigrati x fare tessere e numeri visto che chi lavora cerca di non iscriversi più se non ha un interesse personale
    oggi i caf fanno tutto al posto dell’inps dovrebbero essere gestiti da persona competenti e dovrebbero lavorarci giovani laureati in economia
    chissà forse un giorno questo accadrà, e finalmente IL SINDACATO TORNERA’ A TUTELARE I LAVORATORI
    COMUNQUE SIA BRAVO DI MAIO

  4. Per la serie come fare propaganda contro il Reddito di Cittadinanza mascherandola da statistica. Alcuni Comuni, guarda caso tutti a guida piddina (ultimo Bari, guidato dal renziano Decaro) stanno denunciando in questi giorni un presunto aumento dei cambi di residenza da parte di giovani che, sospetta il Comune, vogliono in tal modo rendersi fiscalmente indipendenti dalle loro famiglie e ottenere così il Reddito. È un reato? Ma non ce l’avevano coi mammoni sino a poco fa? E se il Reddito aiuta i giovani ad essere indipendenti che male c’è.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui