Primarie Pd, Scanzi: ‘Sto ancora pensando a quanto in questo momento starà bestemmiando Renzi’

3
52
scanzi-renzi

Andrea Scanzi commenta la vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Partito Democratico con un post in dieci punti nel quale si fa beffe dell’ex segretario del Pd Matteo Renzi.

“Dalle Europee 2014 in poi,” osserva il giornalista del Fatto Quotidiano “Renzi le ha perse tutte. Ma proprio tutte. Adesso si fa pure sfanculare dai suoi stessi elettori, che domenica gli han gridato un ‘suca’ così grosso che ne bastava la metà. È tutto bellissimo. Pensate a quanto lui e i suoi giannizzeri ghiebbi stiano soffrendo in queste ore. Gioitene. E date poi una carezza ai vostri figli, dicendo loro: ‘Mentre noi ci vogliamo bene, Renzi è lì che rosica come uno Spalletti a Firenze. La vita talora sa anche essere giusta’”.

Al punto 7 bis, Scanzi scrive: “Sto ancora pensando a quanto in questo momento starà bestemmiando Renzi: daje Matteo, mille di questi giorni e che la polvere politica non ti faccia mai mancare il suo caldo abbraccio”.

Al punto 8 si chiede: “Già, ma Renzi starà davvero bestemmiando? Perché è qui che capiremo sul serio se il cognato della moglie di Montalbano sia cambiamento garbato o gattopardo pelato. Il renzismo – questa degenerazione politica così mefitica – lo archiviamo come merita o stiam sempre lì a farci le seghe col maanchismo di veltroniana memoria? L’ineffabile Zinga, qui e non solo qui, è assai vago e paraculo”.

E all’8 bis aggiunge: “Per dire: Renzi, che ormai perderebbe anche a rubamazzo giocando da solo, vuole la presidenza del partito. Come sostituto di nessuno, cioè di Orfini, non so a chi stia pensando. Forse a Del Rio, forse a Gigi Il Merda, forse a Pippo La Rogna. L’ineffabile Zinga resterà saldo nella sua linea ‘nuova’ o concederà i soliti strapuntini a chi ha devastato il partito? E chi metterà in lista per le Europee? Da questi particolari si giudicherà l’ineffabile Zinga”.

3 COMMENTS

  1. Scalzi dimentica che il primo gesto di Zingaretti è stato andare a ringraziare i suoi santi protettori della Tav. Come inizio non è dei più promettenti. Se non per le lobby.

  2. Non basta festeggiare per Renzi che se va (ma non se va) se quello che arriva fa uguale. E sta ancora all’opposizione, figuriamoci se fosse al Governo.

  3. A Luzzi, comune in provincia di Cosenza per le Primarie Pd hanno contato 368 voti validi, ma su un totale di 269 votanti (fonte Il Giornale). Sarebbe interessante sapere per chi erano le schede extra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here