Di Maio: «Il 2 aprile a Pechino arrivano, per la prima volta, le arance siciliane trasportate via aereo»

1
73
di-maio-arance-cina

“Una bella notizia. Una notizia che, in realtà, fa parte di quelle piccole grandi rivoluzioni di cui l’Italia ha bisogno. Il 2 aprile a Pechino arrivano, per la prima volta, le arance siciliane trasportate via aereo”.

Così il vicepremier Luigi Di Maio in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook.

“Magari” prosegue “vi chiederete cosa c’è di eccezionale in questo. Bene, dovete sapere che i produttori italiani di arance da anni chiedevano la possibilità di trasportarle in aereo, perché il trasporto via nave, oltre ad avere tempi lunghissimi, spesso non consentiva di esportare tutto il sapore delle nostre arance che arrivavano 60 giorni dopo esser state raccolte”.

“Gli imprenditori ortofrutticoli italiani” sottolinea Di Maio “aspettavano da anni questa possibilità e insieme a loro 600 milioni di clienti cinesi. Raccolsi la loro richiesta insieme a Giancarlo Cancelleri durante il nostro tour in giro per la Sicilia, in cui i produttori di agrumi mi raccontarono le assurdità legate al trasporto delle nostre arance in Cina”.

“Non chiedevano nulla di speciale, un semplice trasporto aereo che in altri Paesi non è altro che la normalità. Da oggi è realtà. Restituiamo qualità ai nostri imprenditori e a guadagnarci saremo tutti,” conclude.

Le arance siciliane, qualità moro e tarocco, sono arrivate per la prima volta in Cina lungo la Via della Seta marittima: il primo carico è partito a fine gennaio dal porto di Catania e ha raggiunto Ningbo, nello Zhejiang, luogo in cui il 23 marzo si terrà una cerimonia inaugurale.

“Sono due container di circa 12 metri da 40 tonnellate,” afferma Salvo Laudani, marketing manager della società che ha promosso l’iniziativa.

“La prima partita di arance rosse siciliane provenienti dall’Italia è arrivata sul mercato cinese martedì, dopo che la frutta importata ha superato l’ispezione doganale a Shanghai, secondo quanto reso noto dall’ufficio doganale locale. Le arance rosse, dal peso di 37,44 tonnellate, erano state spedite dal porto di Catania, in Sicilia, oltre un mese fa e sono arrivate al porto Yangshan di Shanghai. Negli ultimi anni, la Cina ha assistito ad una crescente richiesta di frutta importata, secondo quanto affermato da Cai Xiuchao, il responsabile della logistica per la spedizione delle arance, che ha aggiunto che le importazioni dai paesi europei forniranno ai consumatori cinesi frutta varia e di qualità. Chen Weiqun, un grossista di frutta importata a Shanghai, ha detto che sono in discussione altri ordinazioni di arance rosse siciliane,” riporta l’Agenzia Nuova Cina.

1 COMMENT

  1. Caro luigi hai promesso anche di sistemare la situazione delle parafarmacie ,oltre alle arance siciliane. Ma ancora niente all’orizzonte, anzi ce chi nel governo rema contro con proclami fatti alla convention dei farmacisti. Speriamo di non dover cambiare bandiera..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here