Il primo minibus 100 per cento elettrico è arrivato a Roma

0
0
minibus-100-per-cento-elettrico-roma-
Pubblicità

“È arrivato al deposito Atac di Prenestina e presto lo vedremo per le strade della nostra città. In queste immagini vi mostro il primo minibus elettrico completamente rinnovato che tornerà a circolare nel centro di Roma, al servizio di cittadini e turisti”.

Pubblicità

Così la sindaca di Roma Virginia Raggi in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, condividendo il video che mostra il nuovo minibus.

“Il mezzo,” ha fatto sapere Raggi “dopo i primi test in deposito, è pronto per effettuare le prime prove su strada. Ricordo che la prima linea entrerà in servizio a breve ed entro l’estate partirà anche la seconda. Nostro obiettivo è il pieno recupero di 60 mezzi entro il 2020”.

“Grazie a una procedura aperta e trasparente lo scorso anno abbiamo bandito la gara e affidato i lavori per il completo recupero e manutenzione dei minibus, mezzi abbandonati a prender polvere nel deposito di Atac a Trastevere. Abbiamo sbloccato una situazione ferma da anni. Vetture piccole e agevoli, a emissioni zero, grazie alle quali rilanciamo un servizio importante, con una particolare attenzione alla mobilità sostenibile e all’elettrico. Il recupero di questi mezzi va ad aggiungersi alle attività promosse da Atac e agli investimenti messi in campo da quest’amministrazione per offrire alla città un servizio di trasporto pubblico efficiente e capillare,” ha concluso la prima cittadina della capitale.

“100% elettrico! Questo è il primo dei minibus a emissioni zero, completamente rinnovato, che tornerà a circolare nel centro della città. Adesso è al deposito Atac di Prenestina pronto per effettuare le prime prove su strada. Tra poco tempo entrerà in servizio la prima linea e entro l’estate ne verrà attivata un’altra”.

Lo ha scritto il consigliere di Roma Capitale Giuliano Pacetti tramite Facebook, condividendo una foto che mostra il nuovo mezzo acquistato dall’Atac.

“In tutto” ha spiegato “saranno 60 i minibus elettrici che verranno recuperati entro il 2020. Vi state chiedendo dove li abbiamo trovati? In un deposito Atac di Trastevere, abbandonati dalle precedenti amministrazioni, pieni di polvere e inutilizzabili”.

“Lo scorso anno abbiamo bandito una gara per il loro completo recupero. Questo è il risultato,” ha concluso Pacetti.

Guarda il video:

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui