Programma elettorale Lega per Roma, il consigliere M5S Pietro Calabrese: ‘Matteo Dormi Sereno’

0
0
#MatteoDormiSereno
Pubblicità

“Finalmente abbiamo il programma elettorale della Lega per la Capitale: #tuttaColpaDellaRaggi”.

Pubblicità

Lo ha affermato Consigliere M5S Roma Capitale, Pietro Calabrese, in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook.

“Non è il massimo dell’originalità, ma poteva andarci molto peggio. Ci aspettavamo robe del tipo ‘il traffico? Zero nuove metro e tram. Meglio tombare il Tevere con una autostrada urbana, 4 corsie per senso di marcia; Rifiuti? Semplice, sotto all’autostrada del Tevere ci fai una bella discarica lineare, ovviamente al posto dell’acqua, da Castel Giubileo a Ostia, e metti un inceneritore ad ogni uscita. Tanto l’immondizia finisce comunque bruciata nei cassonetti. Così li togli tutti, e chiudi pure l’Ama, senza tanti problemi di differenziata’” ha proseguito.

“Alberi? Semplicissimo, prima gli italiani, d’ora in avanti solo lecci e olmi. Quindi via tutte le essenze non autoctone, tipo gli eucalipti, sono pure infestanti sempre verdi per cui tolgono tutta l’acqua ai nostri, che poi cadono prima del tempo’” ha aggiunto.

“Pensate invece – ha osservato l’esponente pentastellato – a tutto il tempo che abbiamo perso per risanare le aziende partecipate” ad esempio, “quanto siamo stati stupidi a salvare Atac dal fallimento. Ora arriverà la Lega, tutto privatizzato, e tanti saluti al trasporto Pubblico. Altrimenti le ‘fabbrichette’ a chi le vendono le maghine?”.

“Altro che risanare i conti del bilancio! A chi volete che interessi il risparmio di miliardi di euro che abbiamo appena determinato sul debito romano? Il debito contratto dai ‘capaci’ di prima, secretato dalla Lega insieme a Meloni e Berlusconi, in favore delle solite banche private, a danno delle tasche di tutti i cittadini. Meglio affidare Roma ai furbetti che l’hanno spolpata fino a ieri, e ora saltano sul carro(ccio) leghista” ha detto ancora.

“Guarda caso proprio mentre la stiamo portando ai livelli di Milano, la città ‘da bere’. Peccato che in vent’anni s’è bevuta pure il doppio del bilancio e funzionari capitolini, grazie a Leggi e Decreti votati da tutti, con la scusa che qua c’erano la mafie, quelle che non hanno mai avuto il coraggio di contrastare. Loro, quelli dalle ‘spalle larghe…’ Lega compresa” ha fatto notare Calabrese.

“Si vede che non gli interessava. Infatti dormivano, come non hanno mai smesso di fare. Continua così, #MatteoDormiSereno” ha concluso.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui