L’Europrogramma del Movimento 5 Stelle prevede la redistribuzione obbligatoria dei migranti

2
0
redistribuzione-migranti
Pubblicità

«Noi siamo post-ideologici: il Movimento 5 Stelle vuole che il fenomeno immigrazione venga gestito, non subìto. L’incoerenza di questa Unione europea sta tutta nella difficoltà di far rispettare agli Stati membri il principio di equa ripartizione delle responsabilità e nel non garantire alternative valide al contrasto del traffico di esseri umani. Le leggi devono essere rispettate, così come i Trattati europei che prevedono la solidarietà fra gli Stati membri per la gestione delle emergenze».

Pubblicità

È quanto si legge in un post pubblicato sul blog ufficiale del Movimento 5 Stelle.

«Siamo favorevoli a piattaforme regionali gestite da UNHCR, IOM ed EASO, che verifichino nei Paesi di origine e di transito, e nel pieno rispetto dei diritti umani, i requisiti di protezione internazionale. L’Europa deve dare una risposta europea a un fenomeno di portata mondiale. I confini dell’Italia sono d’altronde i confini europei,» spiegano i pentastellati.

«Sull’immigrazione l’Europa ha dato il peggio di sé: ha abbandonato Italia, Grecia e Malta al loro destino e lasciato scafisti senza scrupoli e trafficanti di uomini a gestire il fenomeno» ricordano i 5Stelle «La politica delle pacche sulle spalle di Juncker, Macron e Merkel, che per anni a parole elogiavano l’Italia ma nei fatti non facevano nulla per aiutarla, è stata fallimentare. Al Parlamento europeo stessa storia: i partiti europei si sono divisi per appartenenza ideologica senza risolvere nulla. I cittadini sono stati presi in giro dalla sinistra che con il suo buonista ‘accogliamoli tutti’ ha alimentato una guerra fra poveri, ma anche dalla destra che ha bloccato scientificamente ogni timido tentativo di riforma che potesse davvero aiutare l’Italia».

«Continueremo a lottare per una riforma vera e non ipocrita del Regolamento di Dublino. La gestione dei flussi, l’accoglienza, le responsabilità e gli oneri debbano essere condivisi equamente tra tutti gli Stati Membri in base a parametri oggettivi e quantificabili, come popolazione, PIL e tasso di disoccupazione. I confini italiani sono i confini d’Europa. Nessun Stato membro deve essere lasciato da solo,» conclude il M5S.

Pubblicità

2 Commenti

  1. Siamo alla follia!! Questi sono proprio andati! Far gestire a organismi come unhcr con piattaforme regionali le migrazioni??! Ma tanto vale togliere le frontiere allora!! Ma facciamoci invadere, massacrare, seppellire…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui