Sea Watch forza il blocco ed entra in acque italiane, Salvini: «Siamo pronti a bloccare qualunque tipo di illegalità»

12
0
salvini-sea-watch-3
Pubblicità

«L’immigrazione non può essere gestita da navi fuorilegge: siamo pronti a bloccare qualunque tipo di illegalità.
Chi sbaglia, paga.
P.S. L’Europa? Assente, come sempre».

Pubblicità

Così il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini commenta il caso della nave Sea-Watch 3, che ha forzato il blocco ed è entrata in acque italiane alle due meno dieci.

«Per un giochino politico stanno mettendo a rischio i migranti. Useremo ogni mezzo legalmente lecito e necessario per bloccare questo scempio del diritto. L’Italia non può essere punto di approdo per i complici dei trafficanti di esseri umani. L’autorizzazione non la darò mai. Pretendiamo come Italia dignità e rispetto. Questo vale anche per i preti che dicono “ci penso io”. Occupiamoci degli italiani. Avviso al comandante della Sea Watch, l’Italia non è più disposta ad accogliere i clandestini. Il comandante, il governo olandese, le autorità tedesche e i vertici dell’Unione europea risponderà di questo. Non sbarca nessuno, mi sono rotto le palle. Lo sappia quella sbruffoncella».

Guarda il video:

Pubblicità

12 Commenti

  1. data l’insistenza di quella povera ragazza non è che il suo carico è particolare… tipo combattenti dell’isis che devono approdare in Italia ? mia opinione naturalmente.

  2. bravo salvini,tu predichi quando ti fa comodo a te,tu difendi i cittadini difendi qua difendi la’,ma ti rendi conto che stai buttando in strada tutti quei imprenditori della canapa che stanno sopravvivendo dopo tutti i debiti che gli hai fatto mettere,per potersi aprire le loro aziende e negozi creandosi un lavoro che lo stato non ha mai dato,e che hanno pagato tutti i loro prodotti con fatture iva al 22% e poi glieli fai sequestrare dicendo che si spaccia, entrano ragazzini,ma che cazzo ne sai tu che giudichi le persone,fai il roobin hood, a te degli italiani non te ne frega un cazzo,dici di combattere le finanze della criminalita’ e invece li appoggi vietando la vendita di cannabis ligth,e favorisci gli spaccini,passati la mano nella coscienza e esci i 49 milioni di euro che vi siete fottutti

  3. sono d’accordo…. è troppo…fino ad oggi siamo noi ITALIANI che ci stiamo integrando con loro, abbiamo delle leggi e siamo un popolo cattolico : sono loro che vengono qui e anche con forza, LORO DEVONO IMPARARE A RISPETTARE LE LEGGI E LE USANZE ITALIANE.
    ps… NON MOLLATE !!!

  4. Rimandiamo indietro salvini e tutti quelli che sono d’accordo con lui. Per un Italia più democratica e libera. Si parla di rispettare la legge, poi 49 mln non si torvano, ministri indagati sempre ai loro posti, parlamentari che non si vergognano di prendere 15 mila euro al mese ma non si fanno mai vivi in parlamento e poi se la prendono con dei disgraziati. Fate entrare gli immigrati e rimpite la nave di questa gente parassiti della società che non fanno altro che deturbare l’immagine dell’italia vera.

  5. Quando Salvini parla di difendere la legalità,sento un conato forte di vomito.Mi vengono in mente,i soldi che ha preso la lega con le mazzette enimont,i 49 miliorni di euro rubati con i rimborsi spese nel cui elenco figura anche lui,tutte le tangenti della sanità dell regione lombardia con relativi arresti,I soldi pubblici con cui la lega di bossi ha pagato i debiti personali e lui ne era ben a conoscenza.Ma questo politico del ridicolo vuole parlare di legalità quando non fa niente contro l’e vasione fiscale,VERO ED UNICO problema di questa Italia martorita dalla ingiustizie e dai privilegi.Vuole applicare la legge contro poveri nufraghi per propaganda politica e se ne infisc hia di cambiare le leggi ed i relativ i trattati he disciplinano i migranti.Un demagogo ignorante,furbo e adesso sevo degli americani a cui è andato a vendere l’iTalia contro l’Europa.Insomma sta cercanso un protettore contro coloro che gli ricordano le sue violazioni di legge .

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui