Roma, Raggi: «Siamo sotto attacco: sui rifiuti è in corso una guerra»

0
0
virginia-raggi
Pubblicità

«Sui rifiuti è in corso una guerra: la guerra dei rifiuti.
Qualcuno vuole riportare “l’apostata” al “precedente credo”. La “gestione dei rifiuti di Roma che, da sempre, si è fondata su una “commistione tra attività legali ed illegali”: queste sono le parole che la Procura Nazionale Antimafia utilizzava nel 2016 per descrivere la recente rottura di un “meccanismo” perverso nel ciclo dei rifiuti. Fatto di amicizie “poco raccomandabili” che alcuni privati utilizzano per smaltire in modo economico e veloce».

Pubblicità

Lo ha scritto su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi.

«Incendi nei Tmb, fuoco ai cassonetti, danni alle strutture e ai mezzi di Ama: Roma è #sottoattacco e non siamo solo noi a dirlo. Parlano i dati, le inchieste e i report delle forze dell’ordine. In questa intervista, realizzata dopo gli eventi che hanno distrutto il Salario e danneggiato Rocca Cencia, il magistrato Roberto Pennisi – procuratore della Direzione Nazionale Antimafia – fornisce la sua chiave di lettura, parlando di un possibile “sabotaggio”,» ha spiegato.

«Gli incendi all’interno delle strutture di smaltimento e trattamento dei rifiuti, come dimostrano numerose indagini, sono un affare in mano alle cosiddette eco-mafie. Affari milionari che coinvolgono tutto il ciclo dei rifiuti, a partire proprio dagli imprenditori che – spesso – hanno agito in modo illegale. Non solo mafiosi “con la coppola”, interni alle cosche, ma spesso piccole associazioni criminali a cui rivolgersi “al momento giusto”,» ha denunciato Raggi.

«Ma Roma rappresenta un caso unico: gli incendi non servivano a bruciare i rifiuti, ma hanno colpito direttamente le strutture pubbliche di Ama. Noi abbiamo reagito, abbiamo alzato la guardia, innalzando i livelli di sicurezza ed il monitoraggio sui nostri siti. Roma non si piega,» ha concluso.

Guarda il video:

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui