Sea Watch, Orfini: «Se mi fossi trovato al posto di Carola Rackete, avrei agito esattamente come lei»

5
0
orfini-capitana-sea-watch
Pubblicità

“Se mi fossi trovato al posto di Carola Rackete, avrei agito esattamente come lei”. Lo ha affermato il parlamentare del Pd Matteo Orfini, in un’intervista rilasciata a La Stampa, a proposito della decisione della capitana della Sea Watch 3 Carola Rackete di forzare il blocco navale entrando nel porto di Lampedusa per far scendere i migranti a bordo.

Pubblicità

“Veniva da giorni di prese in giro e noi stessi ci eravamo spesi e ottenuto impegni da parte del governo: se c’è un accordo, scendono in cinque minuti. Lo stato a bordo era diventato insopportabile, per un atteggiamento del governo che non saprei definire altrimenti: agghiacciante. A freddo ho ripensato a quel momento. E mi sono dato la stessa risposta”, ha spiegato.

“Sicuramente su questi temi c’è sempre stata difficoltà a convincere l’opinione pubblica e per troppo tempo abbiamo rinunciato a farlo. Ma se una parte del Paese continua a dare una risposta sbagliata, non possiamo continuare ad andargli dietro: dobbiamo contrastarla. E per farlo, non bastano i tweet: servono atti concreti. Davanti al sequestro di 42 persone, era nostro dovere intervenire e aiutarli a scendere. Così si inizia una battaglia di opposizione,” ha detto ancora Orfini.

Alla domanda se non gli sembri che il messaggio che arriva dal Pd sia: vanno accolti tutti, l’esponente dem ha risposto: « È evidente che la questione dei flussi non può essere gestita solo dall’Italia. Purtroppo la guerra in Libia ha peggiorato la qualità dei diritti umani, nei lager vengono perpetrati delitti atroci. Sperando di poter tornare un giorno a politiche come Mare nostrum, dobbiamo prendere atto della situazione di quel martoriato Paese»

Pubblicità

5 Commenti

  1. Orfini è arrivato fuori tempo massimo, quando quello che pensa conta meno di zero. Avrebbe dovuto alzare la voce quando c’era il suo amico Minniti. Ora tutto quello che dice e fa sa di speculazione politica. Quando sull’immigrazione davvero c’erano i grandi numeri, non i 40 di oggi, Orfini e il Pd non c’erano.

    • Orfini prima di parlare doveva leggere quanto scritto oggi daTravaglio: “un giorno magari le Ong ci sveleranno quale divina ispirazione le fa trovare sempre nel posto giusto al momento giusto nello sterminato Mediterraneo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui