Fondi Unicef, chiesto il rinvio a giudizio per il cognato di Matteo Renzi

4
4
Pubblicità

La Procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio dei tre fratelli Andrea, Luca e Alessandro Conticini.

Pubblicità

I tre sono accusati a vario titolo di essersi impadroniti dei fondi percepiti dalla loro ‘Play Therapy Africa’ e di averli riciclati e autoriciclati facendo investimenti immobiliari in Portogallo e acquistando partecipazioni in alcune società, tra le quali la Eventi 6 di Laura Bovoli e Tiziano Renzi, i genitori dell’ex premier Matteo Renzi.

Andrea Conticini, 38 anni, è fratello gemello di Luca, ed è cognato di Matteo Renzi.

L’inchiest, condotta dai pm Luca Turco e Giuseppina Mione, ha per oggetto una somma di circa 10 milioni di euro che è stata donata da organizzioni umanitarie ed enti come Unicef, Fondazione Pulitzer, Play Therapy Africa limited, International Development Association limited e International Development Association.

I soldi, però, secondo l’accusa sarebbero usati per scopi diversi rispetto a progetti umanitari in Africa.

Pubblicità

4 Commenti

  1. In Italia c’è ancora gente che fa donazioni a cause umanitarie senza sapere nulla dell’impiego di quel denaro. E bisogna dire che oltre ai gazebo per strada anche la Rai si presta, non si capisce bene guadagnandoci cosa, a raccolte fondi telefoniche. Unicef è colpevole per non aver vigilato e per non aver promosso il giudizio contro i Conticini.

  2. QUALCHE MESE FA HO INCROCIATO AL SUPERMERCATO DELLA ROMANINA( ROMA) ALCUNE RAGAZZETTE CHE, CON LA MAGLIETTA DELL’UNICEF, CHIEDEVANO DONAZIONI AI PASSANTI. A QUEL PUNTO IO HO DETTO LORO SE NON SI VERGOGNAVANO DI CHIEDERE ANCORA SOLDI A NOME DELL’UNICEF DOPO CHE I PARENTI DEL VENDITORE DI PENTOLE SI ERANO FREGATI OLTRE 49 MILIONI DI EURO DONATI ALL’UNICEF TELEFONICAMENTE. DOPO QUALCHE GIORNO SONO SPARITE E NON NE HO VISTO PIù NESSUNA CON LA MAGLIETTA DELL’UNICEF A CHIEDERE SOLDI.

    • A me pare che l’Unicef continui a chiedere soldi come prima e più di prima. E non solo attraverso gli spot (costosissimi) in tv per farci firmare il 5mille ma anche nei supermervati con ragazzi (sono pagati?) che chiedono sottoscrivere donazioni. E a Pasqua in tutte le grandi città c’ erano i gazebo con la solita offerta minima per ritirare il “regalo” strapagato. Quando finirà questo circo?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui