Operazione ‘Carola Rackete’: tantissimi soldi. Obiettivo immediato: eliminare il governo Conte

8
4
Pubblicità

Vi ricordate delle ‘Rivoluzioni Colorate’ in tutta l’Europa orientale da cui è nata la guerra civile ucraina con oltre 10.000 morti, senza considerare gli altri disastri qui e là a macchia di leopardo in Georgia, Moldavia, Kossovo, ecc.)?

Pubblicità

Vi ricordate le ‘Primavere Arabe’, da cui son venuti i disastri umani della Libia e della Siria, senza dimenticare Egitto e Tunisia?

Se ci pensate bene la struttura di quelle operazioni di marketing politico avevano alcune costanti: tantissimi soldi a disposizione; eliminare governi non graditi ma aventi sostegno popolare; creare guerre civili interne; imporre un governo ‘amico’ usando come capo un fantoccio, per esempio un tipo alla Poroshenko.

Vi ricorderete anche le ‘Madamine’ torinesi, ma forse le avete già dimenticate. Sì, probabilmente le avete già dimenticate. Come mai le avete dimenticate?

Perché l’operazione di marketing politico ‘Madamine’ aveva probabilmente come promotori uomini d’affari che non avevano le disponibilità di soldi neanche lontanamente paragonabili a quelle di uno, a titolo di esempio, come Soros. Nè la ‘visione’, essendo di più corto respiro.

Essi sono riusciti a scimmiottare malamente quelle operazioni della finanza globalista.

Gli uomini d’affari italiani dietro le ‘Madamine’ erano, immaginiamo, coloro i quali, considerando un affare fatto quello del ‘buco’ TAV in Piemonte e Val D’Aosta, si sono quotati per pochi spiccioli per suscitare una opposizione della gente al blocco della TAV successivo all’imprevisto ingresso nel governo dei 5S. Ma non avendo la potenza di fuoco finanziaria di un Soros, non hanno potuto alimentare nel tempo le ‘Madamine’ e così nel giro di poco tempo si sono spente.

Non sarà così per l’operazione di marketing politico ‘Carola Rackete’, schermata da ONG la cui trasparenza non è al massimo livello.

In questo caso i mezzi finanziari sono imponenti!

L’eroina ‘de sinistra’ Carola Rackete ha fatto scattare quello che un tempo si sarebbe chiamato il ‘soccorso rosso’ (ma che oggi si avrebbe vergogna a chiamarlo così) dei deputati PD a dare man forte, per infrangere le leggi italiane, a una tedesca di buona e ricca famiglia che le ha fatto frequentare – parole sue – tre università, tra le migliori del mondo.

L’operazione ‘Carola Rackete’ contempla l’azione di tutte le altre navi delle altre ONG: il veliero Alex, la nave Kurdi, Sea Watch 1,2,3, ecc.

Solo la Sea Watch della ‘Capitana’ tedesca ha una stazza di 650 tonnellate, che poteva facilmente ridurre a un sandwich di vetroresina la motovedetta della Guardia di Finanza, ammazzando tutti quelli a bordo. Essi, adempiendo al loro dovere, avevano il compito di impedirne l’attracco al molo di Lampedusa e hanno rischiato la loro vita per questo.

Quanti soldi ci vogliono per il carburante? Per l’equipaggio? Per il vettovagliamento di tutte queste navi?

E non raccontiamoci storie con le donazioni di carattere emotivo e propagandistico che sono i fuochi di paglia che si spengono subito, e comunque prima di effettuare il bonifico.

Sono simili queste donazioni, a quelle milionarie degli oligarchi francesi per ricostruire la Cattedrale francese Notre Dame di Parigi nei giorni immediatamente successivi al rogo: i media avevano fatto il conto di due miliardi di euro. A oggi non un solo euro hanno cacciato fuori dalle loro tasche super capienti.

Lì non ci sono interessi politico-affaristici che giustificano l’esborso e non è nata nessuna ONG per raccogliere fondi per il restauro.

Mentre per i migranti da portare in Italia sono nate una infinità di ONG, per lo più del nord Europa, Germania, Olanda, ecc., equipaggiate con naviglio di qualità, buoni stipendi per l’equipaggio, fondi non limit per carburante e per quant’altro sia necessario.

Perché questa profusione di mezzi finanziari no limit, essendo che chi ha così tanti soldi non li butta anzi solitamente è più taccagno di chi ne ha pochi?

In effetti costoro, sotto mentite spoglie di beneficienza, usano i loro soldi per obbiettivi politici da cui poi comunque si aspettano un enorme ritorno economico-finanziario che andrà a ripagare più che abbondantemente il rischio ‘imprenditoriale’ che hanno corso.

Di salvare i migranti a chi è dietro le ONG non gliene frega nulla e neanche agli equipaggi delle loro navi, essendo che possono godersi in belle barche in giro per il Mediterraneo i loro super stipendi erogati generosamente da chi conta di avere un grosso ritorno.

Quali sono dunque i veri obbiettivi dietro all’operazione mediatica ‘Carola Rackete’?

In linea di priorità i primi obbiettivi sono di natura politica e mirano nell’immediato a far cadere il Governo Conte.

A che cosa è funzionale il raggiungimento di questi obbiettivi politici?

All’indebolimento politico dell’Italia in modo che Germania, Francia e Paesi nordici non abbiano nessun freno all’esercizio del loro potere assoluto in seno all’UE: per costoro, l’UE, la Commissione Europea, la BCE è ‘cosa loro’ e nessun altro ci deve mettere becco.

Questo potere se lo sono spartiti tra di loro e non vogliono neanche minimamente negoziare con un terzo incomodo.

Ma è funzionale anche all’indebolimento economico dell’Italia, in modo che Germania, Francia e sodali non abbiano un competitore agguerrito, un concorrente temibile e di cui hanno paura: l’Italia deve essere ridotta a una nazione di persone che consumano i loro prodotti passivamente.

La ricchezza e il benessere deve essere riservato a loro, a noi la povertà e l’indigenza.

È una iperbole la mia?

Tutt’altro! Guardate come hanno ridotto la Grecia.

Essi vorrebbero ridurre nelle stesse condizioni anche l’Italia.

Ma i loro piani sono andati a ramengo con l’avvento del Governo 5S-Lega. Mai avrebbero voluto che si fosse verificato uno scenario come quello dell’avvento al governo del nostro Paese di forze politiche determinate a difendere senza se e senza ma i nostri interessi, gli interessi del nostro popolo.

Che fare dunque? Semplice: annullare in qualsiasi modo l’esito delle elezioni del 4 marzo 2018.

Come? Facile: far saltare il Contratto di Governo tra 5Stelle e Lega mettendo gli uni contro gli altri.

Siamo nella logica del dominio imperiale: divide et impera.

Gli argomenti su cui pentastellati e leghisti hanno sensibilità diverse non sono pochi, ma sicuramente sono molto di più quelli su cui hanno uno stesso sentire.

Ma prima di tutto nel M5S e nella Lega deve prevalere, sulle loro diverse sensibilità politiche, sociali, culturali, di costume, la tutela dell’interesse nazionale per la quale sono stati votati dal nostro popolo.

È in corso un forsennato attacco politico-mediatico, euro-americano dell’élite dell’era ‘clintoniana-obamiana’ (e quindi antitrumpiano) in cui ha un ruolo di primo piano Soros, sceso non a caso nell’agone politico italiano tramite la Bonino abbondantemente da lui finanziata, che ha di mira i 5Stelle e la Lega, il Contratto di Governo tra di loro, non tanto Salvini.

Si vuole dividere M5S dalla Lega, Di Maio da Salvini, Conte da entrambi e così far cadere il Governo.

Si mira a riportare Salvini nel solco del centro destra classico con Berlusconi, come emerge chiaramente da quest’articolo su La Stampa, il quotidiano della scuderia Agnelli, quello più ‘clinton-obamiano’.
Che questo sia l’obbiettivo dell’operazione di marketing politico ‘Carola Rackete’ – tedesca di buona famiglia, con gli studi costosissimi nelle università di Lor Signori, giovane, con i capelli da contestatrice scapestrata, per suscitare fascino negli ambianti bene ‘de sinistra’ – operazione mediatica ben studiata e anche ben applicata, è di tutta evidenza.

Ovvio quindi che Conte, Di Maio, Salvini debbano fare esattamente il contrario di ciò che i ‘padrini’ di questa operazione vorrebbero che facessero:
unirsi sempre di più, non dividersi; rafforzare il Governo con ancor più grande determinazione, non indebolirlo.

Pubblicità

8 Commenti

  1. articolo ben scritto ma…………………….il vero problema non sono ne il governo ne i lider politici italiani al governo ma soltanto la stupidità del 40% degli italiani che ancora credono in una sinistra che ha dimostrato nel quinquennio precedenta al governo Conte ,di essere dei delinquenti patentati distruggentio tutto ciò che era il sociale italiano e quasi tutto il tessuto produttivo del nostro paese.
    sicuramente se al posto di Conte c’era un governo di sinistra a quest’ora eravamo già messi come la grecia …………….alla fame

  2. Ah, io sono uso a comportarmi così: quando c’è un ostacolo o un avversario, io non mi concentro sull’ostacolo o sull’avversario, ma si concentro sulla soluzione perchè altrimenti io darei la mia forza e la mia energia spirituale all’ostacolo o all’avversario. Chissà come mai, eppure funziona ed io seguo solo ciò che è utile, non creo io i miei ostacoli perchè ciò a cui si resiste, persiste.

  3. X la nostra fortuna c’e’ ne siamo accorti..in tempo..se c’erano ancora questi PIDIOTI….non sprofondavamo..nel baratro peggio della Grecia..ma ancora oggi..continuano…a mettere i bastoni tra il Governo Attuale e infangare il Popolo Italiano..vogliono.portarci alla fame ..x non dire Guerra Civile..quelli della Sinistra andrebbero..Esiliati..cacciati fuori dalla Patria..!!

  4. QUESTO È UN BELLISSIMO ARTICOLO DA VERO GIORNALISTA CHE RISPECCHIA FEDELMENTE LA NOSTRA SITUAZIONE PRECARIA MOLTO PRECARIA. GIÀ IL NS VOTO CONTA POCO POI SE VOTIAMO ANCHE I VECCHI PARTITI ORMAI NELLE MANI DELLA PIOVRA DA CUI NON RIUSCIRANNO PIÙ A SVINCOLARSI TANTO SONO CORROTTI. CARO PRESIDENTE CONTE INSIEME AL SUO GRUPPO OPERATIVO LE AUGURO UN BUON LAVORO PER IL BENE DELL’ITALIA.

  5. Ma quante stupidaggini in così poche righe….poi dei dittatorellli del magreb amati dal popolo e buttati giù da Soros…????andate a vedere in Egitto che l’unico presidente votato dagli egiziani è morto in carcere una settimana fa perché non gradito alle diplomazie europee e americane perché “troppo islamico estremista”e adesso si beccano un generale che Mubarak in confronto era un angelo …
    Oppure il nostro “capitone”troppo utile a Trump e Putin al fine di sfasciare l’europa per andare a battere i pugni in parlamento europeo minacciandoli di non prendere più un impronta per ottenere una gestione continentale della questione libica…molto meglio le dannose (per noi italiani)chiacchere nei salotti buoni della TV …

  6. Le “Primavere arabe” associate alla guerra civile ucraina…L’Italia del fascistoide Salvini paragonata alla Grecia di Tripras del 2015…Le “madamine” torinesi e le ONG come parti di un piano sovranazionale – di cui l’immancabile Soros fa parte- ordito per far crollare il governo, sacro difensore della patria e del popolo italiano…..Ci manca solo il complotto giudaico-massonico delle plutocrazie internazionali, così siamo a posto…
    Di fronte a certi articoli ed a certi commenti cadono le braccia. E’ talmente tanta la confusione e la superficialità dei ragionamenti che si fa fatica a replicare. Mi limito ad alcune sommarie osservazioni.
    Le donne e gli uomini scappano dall’Africa sub-sahariana non perché ci sono le ONG longa manus del capitale finanziario globale, ma perché scappano da guerre, carestie, miserie, violenze, povertà, corruzione. Questo, come per decenni e decenni hanno fatto gli italiani (peraltro, il saldo migrazione-emigrazione in Italia è pressoché zero…)
    Le ONG, in quel cimitero che è il mar Mediterraneo dove ogni sette migranti che tentano di attraversarlo ne muore uno, SALVANO VITE UMANE. Esse agiscono nella legalità internazionale, sopperendo alle colpevoli mancanze degli stati e dell’UE. Chi invece ha violato e continua a violare impunemente le leggi – mostrando una totale disumanità ed uno sprezzante cinismo– è il ministro degli interni, padrone assoluto ed incontrastato di questo esecutivo.
    La denigrazione di Carola Rachete è vergognosa. Si attacca questa donna sul piano personale, evidenziando stucchevolmente le sue origini benestanti, e paradossalmente persino i suoi studi universitari, per metterla – in modo strumentale ed artificioso- contro le ragioni del “popolo”, che lei capricciosa radical-chic snobberebbe e di cui invece i “sovranisti” sarebbero difensori ed interpreti…A parte l’ovvia considerazione che magari ce ne fossero un po’ di più di persone ricche così illuminate, la verità è un’altra, E’ questo governo – e soprattutto la macchina propagandistica di Salvini con le sue falsità e nel silenzio assordante del M5S- che semina odio, razzismo ed alimenta una vergognosa e del tutto infondata guerra fra i migranti, da un lato, e lavoratori e classi popolari italiane, dall’altro.
    Infine, visto che all’autore piace cimentarsi in ardite analisi geo-politiche, perché non viene scritta una riga sui rapporti di Salvini con quel fascista di Trump e con lo “zar” Putin? E sulle amicizie del leader della Lega con i governi di destra del gruppo di Visegrad, feroci oppositori della ripartizione dei profughi ma, al tempo stesso, strenui sostenitori di quella odiosa e fallimentare austerity neo-liberista dell’UE, rispetto alla quale il Governo italiano – purtroppo al pari dei precedenti esecutivi- non si è mai in alcun modo discostato ?

  7. ALLORA….TUTTI A CASA DELLA CAROLA RAKETE E DEI SUOI GENITORI, ANCHE PER FARE FESTA…DOPO QUELLO CHE E’ SUCCESSO E…PER FORTUNA SENZA GRAVI CONSEGUENZE…ALLORA DOMANI TUTTI A CASA RAKETE E GRANDE FESTA PER UNA SETTIMANA (TANTO IL TEMPO DELLA PERMANENZA IN ACQUE PERICOLOSE….PAGA PAPA’ RAKETE E L’ESERCITO TEDESCO CHE…COME AVETE BEN NOTATO..NON HA FATTO UNA PIEGA…..) A..DIMENTICAVAMO…ANCHE I 46 O 47 SBARCATI , ANCHE QUELLI TUTTI A CASA RAKETE…DOPO QUELLO CHE E’ SUCCESSO….PERO’ QUELLI SI ACCAMPANO VICINO ALLA CASA DEI RAKETE E SI FERMANO TUTTO L’ ANNO…E’ UNA ANNUALITA’ OBBLIGATA A PAGARE….CON QUELLO CHE E’ SUCCESSO…..E MALE CHE VADA..TUTTI..UNA VOLTA TANTO A MANGIARE COI TEDESCHI IN CASERMA..CHE DI VICENDE SE NE DEVONO FAR PERDONARE ASSAI !…….BUONI CHE NEL MALE E’ ANDATA BENE. SPERIAMO…!

  8. Complimenti bellissimo articolo chiarificatore che riassume il quadro della situazione in maniera eccelsa. Parlate di più di Soros dei suoi mandanti e di come si sta operando in un ex ccarcere fiorentino apparentemente non a danno dell’Italia ma nell’interesse comune.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui