Vile attacco agli iscritti del M5S per privarli del voto su Rousseau

6
0
Pubblicità

Stiamo assistendo in queste ore a un attacco forsennato al diritto di voto degli iscritti 5Stelle per esprimere il loro accordo o disaccordo a formare il futuribile governo Renzi/PD-M5S.

Pubblicità

Un florilegio di articoli e interviste su questo argomento ci ha letteralmente sommerso dove si ravvisano assurdità come quella di inficiare le prerogative del Capo Dello Stato o addirittura il pericolo di rallentare la procedura costituzionale dell’iter di formazione del nuovo governo.

Bisognerebbe chiedere a questa foltissima schiera di opinionisti e politici di varia matrice ma tutti accomunati dall’ansia compulsiva di dare il via libera senza incomodi all’ipotetico – per il momento solo ipotetico: da sottolineare questa realtà – governo Renzi/PD-5S, come mai non si scandalizzano che il PD possa dare il via libera alla formazione di questo ipotetico governo tramite un’assemblea di iscritti, e cioè la Direzione PD composta da 214 membri.

A questi 214 iscritti al PD nessuno pone in dubbio il loro diritto di esprimere il proprio consenso o dissenso alla formazione del governo ipotetico in parola, mentre questo diritto non solo lo si mette in dubbio, ma addirittura lo si vorrebbe togliere agli oltre 100.000 iscritti al Movimento 5S.

Ogni movimento politico ha le sue regole democratiche interne, perché suscita scandalo che anche il Movimento 5S abbia scelto le sue?
Questa è davvero una strana contraddizione: al PD è consentito votare secondo le regole che si è scelto, mentre al M5S NO.
Dove sta il rispetto, il semplice rispetto, per gli iscritti 5S?

Forse che hanno meno diritti degli iscritti PD perché così stabilisce chi non vuole farli votare, questi soloni della democrazia che vogliono comandare in casa d’altri?

La verità è che se vogliamo proprio fare un esame di diritto comparato mettendo a confronto le regole democratiche M5S e quelle PD, quest’ultimo ne esce davvero male.

Infatti nessuno ha dubbi su come si esprimerà la Direzione PD, quando si chiedesse una votazione in quella sede.

Come mai non ci sono incertezze sulla pronuncia di quest’organo interno del PD?

Non ci sono incertezze perché tutti i membri sono ripartiti tra le varie correnti del PD, e quando si mettono d’accordo i capi corrente su come deve andare la votazione, i membri della Direzione votano semplicemente secondo gli ordini ricevuti.

Prima di una riunione della Direzione PD non c’è nessuna incertezza sull’esito della votazione, si sa già come andrà a finire prima ancora che la votazione stessa abbia luogo.

Fa comodo ai capibastone PD avere assemblee e riunioni il cui esito è scontato e non ci sono incertezze dovute alla democrazia.
Invece nel caso del Movimento c’è una sana incertezza democratica.

Il fiume di articoli e interviste che si sono abbattuti su di noi in poche ore hanno avuto come unico obiettivo di eliminare il diritto degli iscritti 5S a esprimere liberamente il proprio voto su una decisione decisiva per il futuro del proprio movimento politico.
Questi commentatori, opinionisti, politici, intellettuali rivelano l’allergia a una sana incertezza per un voto realmente democratico e che non può essere eterodiretto da nessuno.

Sugli iscritti 5S non cadono dall’alto gli ordini dei capibastone per il semplice fatto che non ce ne sono, ma se qualcuno – per esempio tra i deputati e i senatori pentastellati che vorrebbero togliere il voto a chi li ha scelti come candidati – si fosse messo in testa di diventarlo sarebbe sommerso da un mare sonoro e tumultuoso di ‘vaffa’ in puro stile grillino.

Il vizio di togliere il diritto di voto quando può disturbare è lo stesso che da sempre hanno i regimi autoritari, i regimi fascisti.

Questo vizio fascista è lo stesso di questi signori che definiscono se stessi super custodi delle regole della democrazia.

Di quella oligarchica però che fa comodo a loro, perché essi per primi sono e si comportano come oligarchi di regime.

Ma questo attacco sconsiderato ai diritti degli iscritti al Movimento non farà altro che inorgoglirli e motivarli a votare esattamente contro ‘l’ordine’ emesso da coloro i quali temono il loro voto e lo vorrebbero impedire.

Tutta questa fobia anti iscritti 5S di questi oligarchi si sta rivelando il miglior complimento che potessero fare alla piattaforma Rousseau, altro oggetto del loro odio perché si è dimostrata sul campo una fortissima garanzia a tutela del diritto di voto di ogni singolo iscritto al Movimento 5S.

SÌ al diritto di voto degli iscritti 5S sulla formazione dell’ipotetico governo Renzi/PD-5S.

NO a quanti vorrebbero privarli del voto.

Pubblicità

6 Commenti

  1. Vi ricordo che siamo in una democrazia rappresentativa, non diretta, quindi non blaterate di fascismo perchè in questo caso non c’entra nulla; una piattaforma privata come rousseau non c’entra un cazzo con le nostre istituzioni; voi che scrivete questa spazzature siete solo gente che non conosce la costituzione e come è l’iter di una crisi di governo. Ripeto siamo in una democrazia parlamentare; avete votato i vostri rappresentanti e avete delegato a loro compiti come questo.

    • Che dire, non hai capito niente, perché l’articolo è incentrato sulla correttezza delle consultazioni on linea che è regolamentata all’interno del M5S, cosa che i soloni come te vorrebbero evitare per dare il via libera a questo governo spazzatura senza se e senza ma. Centri sociali anche te?

  2. Addio m5s vi siete alleati col nemico pubblico numeri 1 in italia e nel mondo . il comunismo massonico 2.0!
    Aiuto! Adiue Rosseau! Beppe Grillo ritorna sul BRitannia…Peccato!

  3. Personalmente sto attendendo la votazione on linea per esprimere il mio NO al governo con il PD. Se non potrò votare, il M5S avrà perso un altro elettore.

  4. Schifo totale devo farmi votare no al hoverno nazinarcoUE! Stop troika! Stop bufalari piddastri! Stop ciarlatani e parruconi dis-unione europea! Ma purtroppo entità sovranazionali al soldo del simpatico speculatore finanziario janno lavorato ai fianchi i POPULISTI, tramite la stampa prezzolata di giornalai pennivendoli o megli fake-vendoli!
    Sto parlando del mis-fatto Qutidiano alis Nuova REpubblica, lettera 43, post, fuffinton post, quelli delle bufale, youtube …. UN ARMATA ben remunerata e attrezzate di servi !
    Adios 5s! Adesso la stampa cartacea che non caga nessuno e quella on line dei bufalari di professioni e hater contro i 5s potranno paralre solo del BD e dell Ue.
    Ad Maiora!

  5. Io dico che vi manca la conoscenza di ciò che sia il Politicamente Corretto; qui in Italia rappresentato soprattutto dal PD. Al Politicamente Corretto tutto è permesso: andare contro la logica, il buon senso, le leggi umane, e persino contro le leggi naturali; loro possono di volta in volta fare una cosa o il contrario di questa cosa, affermando sempre di essere nel giusto; accusano gli altri delle cose che stanno facendo loro… insomma il loro modo d’essere è regolato dal famoso armamentario vetero comunista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui