Roma, la raccolta dei rifiuti urbani sta rallentando a causa degli impianti privati. Raggi: ‘Tutto ciò è inaccettabile’

0
0
Pubblicità

“La raccolta dei rifiuti urbani, in questi giorni, sta avendo un rallentamento. Ama ci spiega che questo è dovuto al comportamento degli impianti privati in diverse Regioni d’Italia che non accolgono i rifiuti di Roma. Tutto ciò è inaccettabile”.

Pubblicità

Lo ha scritto Virginia Raggi in un post pubblicato ” rel=”noopener” target=”_blank”>sul proprio profilo Facebook.

“Questi signori, – ha spiegato – secondo quanto previsto dall’Ordinanza della Regione Lazio che ha finalmente accolto i nostri rilievi, indicati in sede di cabina interistituzionale con il ministro Sergio Costa, sono obbligati ad accogliere i rifiuti di Roma Capitale ma, per diversi motivi, non lo fanno. Creando quella situazione di sovraccarico del nostro unico impianto di Rocca Cencia che, per questo, non può essere sottoposto ad attività di manutenzione”.

“Ama ci ha spiegato oggi che sono oltre 500 le tonnellate che non potranno essere raccolte durante la settimana in corso. Una quantità che si aggiunge alle circa 1.000 tonnellate non raccolte nella settimana precedente che hanno causato disagi sul territorio. Questo rallentamento sta inoltre aggravando lo stato dello stoccaggio nella fossa di ricezione di Rocca Cencia – unica struttura rimasta operativa dopo l’incendio che ha distrutto il Tmb Salario – attività per le quali è necessario lo svuotamento” ha aggiunto il sindaco di Roma.

Le cause di questa diminuzione, riguardano “l’azzeramento da parte di Rida Ambiente di tutti conferimenti di rifiuti indifferenziati da parte di Ama da circa tre settimane” e “la riduzione dei conferimenti nei Tmb di Viterbo, all’interno del quale continuano le attività di manutenzione, e l’azzeramento dei conferimenti nel Tmb di Deco” ha fatto sapere.

“Tra mercoledì e giovedì, proprio per il troppo lavoro, Rocca Cencia ha avuto un calo di produzione a causa della rottura improvvisa di un nastro trasportatore che ha avuto come ripercussioni una lieve flessione dei quantitativi settimanali lavorati. In ultimo, il tritovagliatore mobile che si trova nello stabilimento Ama ‘Romagnoli’ ha continuato la fase di trattamento, ma con una capacità limitata” ha scritto ancora l’esponente pentastellata.

“Ho chiesto ad Ama di concentrare le attività di pulizia nelle zone in prossimità di scuole ed ospedali. E in particolare di monitorare costantemente Asl, cliniche, strutture socio-assistenziali, plessi scolastici e asili nido di tutti i quadranti di Roma. Sono numerosi gli interventi mirati (diserbo, sanificazione, spazzamento) che sono stati effettuati negli ultimi giorni. Non smetteremo di controllare e lavorare. E come promesso, vi aggiornerò costantemente” ha concluso.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui