Truffa, giovane simulava incidenti per ottenere risarcimento: beccato dalle telecamere di sicurezza

2
0
Pubblicità

Un 24enne marocchino senza fissa dimora era solito simulare l’investimento per farsi risarcire dagli automobilisti ignari, ma è stato inchiodato dalle telecamere di sicurezza di Verona, e ora rischia la querela per truffa.

Pubblicità

L’episodio che ha smascherato il ragazzo è avvenuto lo scorso lunedì pomeriggio, quando una Fiat Panda si è dovuta fermare in via Torbido a Verona, pensando di aver urtato il pedone.

Il ragazzo dopo aver messo in atto la sua azione ha sostenuto di essere stato urtato dall’auto, ma le videocamere di sorveglianza hanno svelato il sistema messo in atto dal marocchino.

Non era la prima volta che l’uomo fingeva un investimento. L’occhio elettronico ha ripreso il 24enne nell’atto di attraversare la strada, al passaggio della Fiat Panda, sbatte violentemente le mani contro il vetro dell’autovettura. Poi, rimane in piedi per un attimo e quando vede l’auto frenare, si getta in terra, tenendosi la caviglia e fingendo l’incidente.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, questa non sarebbe la prima volta che il ragazzo mette in pratica questo sistema. Tre mesi fa, il ventiquattrenne sarebbe stato protagonista di un simile episodio, in via Stazione. Quella volta, dichiarò di essere stato investito da una bicicletta, che non si era nemmeno fermata, ma, dopo i successivi accertamenti era emerso che il giovane aveva un elevato quantitativo di alcol e droghe in circolo nel suo corpo, tanto che le lesioni riportate dall’uomo non erano state ricondotte all’incidente. Ora, il 24enne è stato smascherato e rischia una querela per tentata truffa.

Pubblicità

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui