Salvini: «I cretini al governo tassano le bibite zuccherate»

0
2
Pubblicità

«L’ultimo zuccherificio rimasto in Italia è in Emilia, a Bologna, dopo che i governi passati hanno svenduto lo zucchero italiano, e i cretini al governo tassano le bibite zuccherate e rischiano di massacrare ulteriormente quello che rimane».

Pubblicità

Così il leader della Lega Matteo Salvini durante una diretta su Facebook.

«Quella sulla plastica non è una tassa per salvare l’ambiente ma per fare cassa, perché tassano le confezioni di biscotti, pannolini, latte per un costo di 100 euro in più a famiglia,» ha aggiunto Salvini.

Salvini ha anche attaccato il leader di Italia Viva, Matteo Renzi: «Il signor Renzi ha la faccia come il retro. Ha fatto nascere il Governo per paura delle elezioni e adesso attacca il Governo dicendo che le tasse sono sbagliate. Pulcinella era più serio,» ha detto.

Il leader del Carroccio è poi tornato sul caso della mozione Segre: «Quella istituita è una bella commissione sovietica, andate a rileggere 1984 di Orwell. Giusto condannare la violenza che non tornerà ma imbavagliare i popoli no,» ha affermato. Secondo Salvini «condannare gli orrori della storia e’ fondamentale, ma dire che prima gli italiani e fermare l’immigrazione e’ razzismo, no, è un altro paio di maniche».

L’ex ministro ha poi criticato la manovra: «Mettono una tassa di notte, poi si svegliano di giorno e si attaccano. Sono falsi, ipocriti e incapaci. La tassa sulle auto aziendali rasenta il cretinismo, come se chi ha un reddito di 34-40 mila euro fosse un riccone. Sulla plastica la tassa non è a favore dell’ambiente, ma è una tassa per far quattrini perché tassano i tappi, le bottiglie, le buste per l’insalata, per i pannolini. E’ una tassa stimata in 100 euro in più a famiglia. E’ un governo che odia il lavoro e il risparmio, aspettiamoci una patrimoniale».

Quanto a Lamorgese, Salvini ha dichiarato: «C’è un ministro che non conosce nemmeno i dati del suo ministeri. E’ stata scelta come tappabuchi. Gli sbarchi sono di più, le Ong circolano».

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui