Air Force Renzi, lo Stato dichiara di aver speso finora 50 milioni, ma Etihad ne ha incassato ‘solo’ 37. La procura indaga sui restanti 13

3
0
air-force-renzi
Pubblicità

L’Air Force Renzi è fermo in un hangar da tantissimi mesi, chi non sta ferma, invece, è la procura di Civitavecchia che ha aperto un inchiesta sul velivolo fortemente voluto dall’ex premier Matteo Renzi.

Pubblicità

Il fascicolo d’indagine sarebbe a carico di ignoti e senza ipotesi di reato. I magistrati avrebbero messo nel mirino il contratto di leasing sottoscritto con Etihad per la cifra di 168 milioni di euro da pagare in otto anni. Un affitto, secondo i pm, pagato ben più del reale prezzo di mercato necessario per acquistare il velivolo.

Ma non è finita qui. I magistrati hanno posto sotto la lente d’ingrandimento una fase dell’accordo che prevedeva un pagamento anticipato di 25 milioni di dollari che la compagnia emiratina avrebbe fatturato ad Alitalia. In aggiunta, i pm stanno guardando a una discrepanza tra il conto dei soldi già spesi dallo Stato italiano, arrivati a quota 50 milioni di euro al momento della rescissione dell’accordo di leasing, e i 37 milioni di euro che Etihad ha dichiarato di aver realmente percepito.

Pubblicità

3 Commenti

  1. I numeri che ritornano e ci dicono qualcosa, ci parlano: 50 milioni spesi-sprecati per un aereo presidenziale mentre ora si vogliono tagliare 345 parlamentari per risparmiare la stessa cifra.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui