Manlio Di Stefano: “Perché il M5S perde consenso? Ce lo dice l’Agcom”

5
13
Pubblicità

“Questo è un estratto della valutazione fatta dall’Autorità per le Garanzie per le Comunicazioni sulla coerenza tra il peso di ogni partito politico e la sua esposizione sulla RAI. Leggete bene perché si parla di ‘sistematica’ sotto esposizione del MoVimento 5 Stelle. E parliamo di RAI, figuriamoci Mediaset e La7”.

Pubblicità

Così su Facebook il sottosegretario agli Esteri e deputato M5S, Manlio Di Stefano, condividendo il testo della valutazione dell’Agcom, in cui si legge: “A proposito dei partiti, l’AgCom individua nei 5Stelle le principali vittime della disinformazione. Tra agosto del 2019 e gennaio del 2020, il Movimento grillino riceve sistematicamente uno spazio nell’informazione della Rai che è largamente inferiore a quello che gli spetterebbe, essendo ancora il primo partito in Parlamento. Anche i ministri, i viceministri e i sottosegretari grillini sono penalizzati, rispetto a quelli espressione delle altre forze di governo”.

“Ora capite bene,” osserva Di Stefano “avremmo potuto fare come gli altri partiti susseguitisi al Governo, avremmo potuto lottizzare la RAI e mettere gente a noi utile, invece abbiamo scelto la via del merito e dell’indipendenza. Giusto e lodevole, ma che questo si trasformi addirittura in una punizione è davvero troppo”.

“Questa situazione ci spiega, al di là delle nostre responsabilità su alcune scelte, il motivo del nostro calo costante. Come si può spiegare altrimenti un calo di gradimento per un movimento che nei suoi primi due anni di governo ha realizzato sostanzialmente tutti i punti di programma che si era fissato?” prosegue Di Stefano, che conclude:

“Io vi faccio un invito, potete essere delusi e avere le vostre legittime lamentale da fare, ma qui c’è un sogno da proteggere da sciacalli senza scrupoli. Se non lo difendiamo noi per primi diffondendo la verità ci renderemo conto troppo tardi di averlo perso per sempre ridando il paese in mano agli approfittatori che lo governavano prima di noi.
Forza ragazzi, siate fieri del M5S e tornate a diffondere quanto di bello stiamo facendo!”.

Pubblicità

5 Commenti

  1. Bravo Di Stefano, grazie a te abbiamo finalmente capito come mai 6 milioni e passa di elettori sono in uscita, colpa della RAI. Meno male.

  2. Gli Italiani sono finiti in poco più di trent’anni con le pezze al sedere grazie ad una classe politica sempre uguale, sempre dedita al furto di danaro pubblico. Continuano a votarla pur essendo diventati l’ombra di se stessi. Gli piace soffrire, tutto qua.
    O forse è come disse una persona ormai defunta che provò sulla pelle la miseria umana: ”Lo schiavo non vuole diventare libero. Vuole diventare il capo degli schiavi.”

  3. Manlio Di Stefano, voi come movimento politico rappresentate una grande onestà mai vista o constatata in tutti i partiti che hanno rappresentato l’ Italia sin dalla nascita della Repubblica. Onestà che vi ha contraddistinto ma che vi ha portato a commettere uno dei pochissimi sbagli purtroppo di una certa gravità ovviamente a danno del movimento. Lo hanno fatto tutti gli altri partiti di maggiori prefernze, LOTTIZZARE LA RAI, L’avreste dovuto fare pure voi, non con lo scopo di applicare il metodo dittatoriale e mercenario che non vi appartiene, ma continuando ad usare la stessa onestà di sempre, tenendo sotto rigido controllo l’ eguaglianza di visione partitica. Nessunno avrebbe avuto motivo di dimostrazione contraria. A noi del movimento 5 stelle può rimanere una sola grande soddisfazione: quando incontriamo conduttori di tali trasmissioni, sia della RAI , televisione pubblica che agisce da privata, sia conduttori delle tv private, i cosiddetti mercenari e leccaculo e poveri di intelletto, CI VIENE SPONTANEO UN GROSSO COLPO DI TOSSE, FACCIAMO PER UNA VOLTA GLI SCOSTUMATI, SPUTIAMO VERSO I LORO PIEDI E ANDIAMO AVANTI.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui