Coronavirus, Travaglio contro Renzi e Salvini: «I due Impazienti Zero usano il ‘Governissimo’ per nobilitare il loro inciucio»

4
13
Pubblicità

«Non potendo, date le circostanze, sfidare il ridicolo col classico “governo di salute pubblica”, i due Impazienti Zero» usano il “Governissimo «per nobilitare il loro inciucio volto a placare il Poltronavirus e a frustrare il legittimo sollievo di molti italiani per non avere il Matteo maior al governo in un momento come questo (già bastandovi la presenza del Matteo minor)».

Pubblicità

Lo scrive Marco Travaglio nel suo editoriale di oggi, nel quale fornisce al lettore un «breve dizionarietto per orientarsi nella jungla dell’epidemia» di coronavirus.

Il direttore del Fatto Quotidiano dà poi la definizione di “Impaziente Zero”: «Gli esperti l’hanno già individuato, ma per ora ne comunicano solo il nome (Matteo) e la professione (senatore), senza sciogliere la riserva sul cognome perché stanno testando ben due potenziali candidati che presentano sintomi analoghi, tipici di quando l’insuccesso dà alla testa: mitomania molesta, logorrea patologica, mania di protagonismo, ansia di presenzialismo, smania di rovesciare un premier più bravo di loro per mandare al governo almeno due soggetti infinitamente peggiori di lui, cioè se stessi,» spiega.

Pubblicità

4 Commenti

  1. Riecco Travaglio, passata l’emergenza per decreto del Governo può tornare a dedicarsi al suo passatempo (ossessione) preferito: l’attacco quotidiano a Salvini e Renzi. Pescando come un Crozza qualsiasi nelle battute circolanti sul web per farle sue e cercare così di rendere nuovo un discorso ormai stantio e ripetitivo.

  2. Non puoi vivere di ossessioni, né puoi pretendere di vendere un giornale basato su quelle. Ma perché per Travaglio è forse più nobile l’inciucio col Pd e con Conte? Ma li legge i sondaggi sul Governo o i testi glieli detta Conte all’occorrenza?

  3. Travaglio è un vero lassativo: Ogni volta che parla vengono fuori le cacchine come funghi. Scrivono, si danno il tono da funghi ma l’odore non mente. Chi le ha prodotte non è certo erbivoro, mangia carne di popolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui