Erspamer: «Adesso si capisce come mai i media abbiano sparso a piene mani il terrore da coronavirus»

5
17
Pubblicità

«Adesso si capisce come mai i media, ormai al diretto servizio dei poteri forti, abbiano sparso a piene mani il terrore da coronavirus. Perché l’industria della salute è di gran lunga, già adesso e ancor più in prospettiva, la maggiore fonte di arricchimento dei miliardari e delle multinazionali, ed è da qualche decennio che immense risorse vengono impegnate dalle lobby per portare alla privatizzazione dei sistemi sanitari, a imitazione degli Stati Uniti».

Pubblicità

Così su Facebook il professor Francesco Erspamer.

«Quale è la tattica?» – prosegue il docente – «La solita: convincere la gente con campagne mediatiche ossessive che le tasse vadano tagliate (se no come regalano il SUV al figlio diciottenne o, i meno abbienti, l’iPhone d’ordinanza?), in modo da ridurre i finanziamenti alla sanità pubblica e poterne poi denigrare l’efficienza, chiedendo a quel punto regionalizzazioni e privatizzazioni».

«Il problema» osserva Erspamer «è che il coronavirus sta impietosamente rivelando cosa succede a ridurre i finanziamenti degli ospedali, per necessità o anche “per evitare inutili sprechi”, come amano ripetere i liberisti, statistiche alla mano (ovviamente manipolate o tendenziose). Succede che in caso di emergenza si è impreparati; e neanche c’è bisogno che si tratti della peste, di un catastrofico terremoto o di una guerra, basta un’influenza un po’ aggressiva. Siete sorpresi? Colpa vostra; il liberismo non ha mai nascosto che il suo orizzonte è estremamente ridotto: gli investimenti hanno senso solo se danno enormi profitti entro un anno, e così i rischi sono tali solo se immediati. Del doman non v’è certezza e dunque chissenefrega del futuro».

«Ecco, questa è la ragione del panico. Bisogna impedire che la gente si accorga che a dar retta ai liberisti ci si trova nella condizione di non poter aiutare i malati. Perché i privati, occupati solo a far troppi soldi, mica investono in reparti di terapia intensiva che magari resterebbero sottoutilizzati. Le emergenze non rendono, dunque si fa finta che non possano accadere. Lo confermano i big data, ossia la banalità elevata a statistica. Meglio allora chiudere le scuole, i locali, fermare i treni, mettere in stato d’assedio le città, rischiare una recessione, scatenare l’odio degli imbecilli contro i più deboli e anziani, pur di riprendere al più presto l’assalto ai beni comuni e alle strutture pubbliche,» scrive ancora Erspamer.

«La soluzione? Rinazionalizzare tutti i servizi di importanza strategica, a cominciare dalla sanità ma per arrivare presto ai trasporti e all’educazione. Se i privati vogliono competere, fatti loro: ma senza alcun contributo statale, neppure indiretto, alcuna facilitazione, alcuna riduzione fiscale,» conclude.

Pubblicità

5 Commenti

  1. C’E UN TESTA A TESTA TRA ZAIA,FONTANA E SALVINI,MA VINCE SALVINI IL TROFEO DELLA STUPIDITA E DELL’ IRRESPONSABILITA’ GLI ALTRI ARRIVANO MOLTO VICINI.

  2. @Mario: se il “questo” è riferito al Prof Erspamer direi che nella gara idealmente descritta da Luigi Silvestri tu potresti arrivare primo e per molte lunghezze.

  3. Forse a livello locale ci sta, gli sciacalli approfittano sempre delle disgrazie. Ma la cosa riguarda l’intero pianeta e sta avendo come inaspettato risultato la frenata della galoppante Cina (40% del consumo di greggio) e delle fonti inquinanti: Benvenuto coronavirus.
    In Italia al limite causerà la palla al centro destra per il colpo di grazia a questi fastidiosi parassiti, che si ostinano a non morire e a lasciare i loro averi al vecchio con la badante e il suo figlio scemo (con l’amico traditore)
    Alla fine ognuno avrà cosa si merita, la natura fa sempre il suo corso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui