Morra: «Scozzafava, soggetto arrestato con Tallini, si fregiava di questo selfie con Salvini»

2
1
Pubblicità

«Salvini ed altri chiedono le mie dimissioni piuttosto che spiegare queste relazioni troppo superficialmente accettate con uno degli arrestati dell’inchiesta “Farmabusiness” in cui è coinvolto anche Tallini, Presidente del Consiglio Regionale della Calabria.
Scozzafava, questo il nome del soggetto arrestato con Tallini, si fregiava di questo selfie….
Veramente questo è un paese al contrario».

Pubblicità

Così su Facebook il senatore del M5S e presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra, condividendo una foto che mostra Salvini con la persona in questione.

Furore (M5S): «Per Salvini, Morra è arrogante, violento e ignorante. Da che pulpito»

«Per Salvini, Morra è arrogante, violento e ignorante. Da che pulpito. Secondo Matteo Salvini: “I parlamentari della Lega e di tutto il centrodestra non parteciperanno ai lavori della commissione Antimafia finché continuerà a esserci questo personaggio alla guida. Gli italiani, che la mafia la combattono davvero, non possono continuare a essere rappresentati da un personaggio così arrogante, ignorante e violento”.
Questo Paese è incredibile perché è abitato da personaggi che, complice la facilità con cui gli italiani dimenticano i fatti, si permettono di capovolgere la realtà a proprio vantaggio».

Così su Facebook l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Mario Furore.

«Salvini che dà dell’ignorante, arrogante e violento a Nicola Morra? Ma è lo stesso Salvini che irride, sbeffeggia, fomenta violenza e prende in giro gli italiani da quando ha messo piede in politica? Che parla di massimi sistemi stando in bermuda in spiaggia o mangiando questa o quella specialità culinaria in giro per l’Italia invece di lavorare? Ma veramente? Da che pulpito viene l’accusa. Pensasse, il segretario della Lega, a cose più serie invece di conquistarsi i titoli dei giornali sparandola ogni giorno più grossa.
Siamo rappresentanti dei cittadini e come tali dobbiamo svolgere il nostro incarico con disciplina e onore, lavorando giorno e notte per il bene comune. Punto», ha concluso l’esponente 5Stelle.

Gelmini: «Forza Italia non parteciperà alla Commissione Antimafia per protesta». Buffagni: «Vergogna! Rinfreschiamole la memoria»

«Ma protesta di cosa? Quattro giorni fa è stato arrestato il presidente del consiglio regionale calabrese, Domenico Tallini di Forza Italia, per MAFIA!! E per cosa protesta Forza Italia? Per le parole di Morra».

È quanto si legge in un post sulla pagina Facebook del deputato 5Stelle e viceministro allo Sviluppo economico, Stefano Buffagni.

«Siamo al rovesciamento della realtà. In questo Paese vengono chieste le dimissioni di Nicola Morra – che viene addirittura censurato dal Servizio pubblico – per una sua affermazione, magari infelice, e nessuno trova invece scandaloso se un politico viene arrestato per mafia.
Nel centrodestra ne stanno arrestando uno al mese, e quella di Morra è stata un’occasione fantastica per spostare l’attenzione dai loro scandali. Ma la devono smettere di prendere in giro le persone!» ha spiegato Buffagni.

«Li conosciamo bene, i cittadini li conoscono bene! Questa gente non può fare la morale a nessuno. Dovrebbero chiedere scusa e andare a nascondersi per tutto quello che hanno fatto in questi anni: dov’erano Salvini, Meloni e Berlusconi quando Domenico Tallini diventava Presidente del Consiglio Regionale in Calabria? Chi lo ha candidato? Chi dovrebbe dimettersi adesso? Visto che sono stati loro a metterlo nelle liste elettorali, pur sapendo che fosse “impresentabile”, dovrebbero essere loro a dimettersi», ha concluso.

«Da questa mattina tutto il centrodestra è compatto: diserteranno il lavoro nella Commissione Antimafia. Dovrebbero essere i primi ad assicurarsi che i lavoro continui e si sveltisca, proprio per dissociarsi da persone come Dell’Utri, condannato a 7 anni per associazione mafiosa; o chiarire il caso leghista Siri-Arata, sempre per associazione mafiosa; o del consigliere di Fratelli d’Italia Rosso, arrestato per voto di scambio politico-mafioso. Per ultimo c’è proprio Tallini, arrestato per aver speculato sui farmaci e sulla salute dei cittadini.
La scusa? Nulla, pare che il Senatore Morra abbia espresso un suo pensiero in merito alla vicenda calabrese.
Praticamente gli arrestano un esponente al mese, e loro non partecipano ai lavori perché Morra ha espresso una sua opinione.
Questo è quello che ci aspetta se continueranno a votarli», ha scritto su Facebook il deputato 5Stelle Francesco Silvestri.

Pubblicità

2 Commenti

  1. LA SANTELLI E’ MORTA DI CANCRO MENTRE IL SUO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONE CALABRIA , TALLINI , RUBAVA I FARMACI ANTITUMORALI E LI RIVENDEVA GUADAGNANDO PERSONALMENTE UN SACCO DI SOLDI E NESSUNO SI INDIGNA : MISERABILI !!

  2. Tutte queste”passionarie”e i loro simili dei 5 stelle, ci facciano anche l’elenco dei loro indagati e non solo, tenendo presente la benevolenza della magistratura nei loro confronti, è tanto facile vedere il marcio solo da un lato. Di santi non ce ne sono piu, checche ne dica Francesco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui