Pagamento pensioni maggio 2021: anticipo dal 26 aprile alle Poste

0
0
Pubblicità

Il pagamento delle pensioni di maggio 2021 avverrà in anticipo, come successo nel corso dell’ultimo anno a causa del Covid-19.

Pubblicità

Con l’ordinanza n. 740 firmata dall’ex Capo del Dipartimento della Protezione civile, Angelo Borelli, è stato stabilito che saranno anticipati i pagamenti per il mese di maggio sia per i trattamenti pensionistici sia per le indennità di accompagnamento per invalidi civili.

“Allo scopo di consentire a Poste italiane S.p.a. la gestione dell’accesso ai propri sportelli dei titolari del diritto alla riscossione delle predette prestazioni, in modalità compatibili con le disposizioni in vigore adottate allo scopo di contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da COVID-19, salvaguardando i diritti dei titolari delle prestazioni medesime” si legge nell’ordinanza.

Si manterrà una suddivisione in base al cognome e i pagamenti verranno effettuati dal 26 aprile al 1 maggio 2021, nel seguente ordine:

Cognomi da A a B: il 26 aprile 2021
Cognomi C-D: 27 aprile 2021
Cognomi E-K: 28 aprile 2021
Cognomi L-O: 29 aprile 2021
Cognomi S-Z: 1° maggio 2021

L’ ordinanza ricorda anche che “il diritto al rateo mensile delle sopra citate prestazioni si perfeziona comunque il primo giorno del mese di competenza dello stesso” e che “in relazione ai pagamenti, si applicano le vigenti disposizioni in materia di riaccredito connesse al decesso del beneficiario della prestazione o al verificarsi di altra causa di estinzione del diritto alla prestazione, nonché le disposizioni che regolano il recupero dei trattamenti indebitamente erogati”.

L’anticipo del pagamento della pensione di maggio, riguarderà tutti coloro che possiedono un libretto di risparmio, conto BancoPosta o Postepay Evolutionm. Anche per chi possiede una carta Postamat, una carta Libretto, sarà possibile recarsi presso un ATM Postamat e ritirare la pensione senza recarsi in ufficio postale di persona.

L’anticipo del pagamento della pensione non coinvolgerà coloro che ricevono l’accredito direttamente in banca, in questo caso infatti rimane in vigore la regola dell’accredito il primo giorno utile bancabile del mese, ma essendo l’1 e il 2 festivi, arriverà il 3 maggio 2021, a distanza di praticamente una settimana da chi con il cognome per A e B ha ritirato alle poste la sua pensione il 26 aprile.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui