M5S: «Siamo alle solite, ogni volta Salvini attribuisce meriti non suoi alla Lega»

0
89

«Siamo alle solite, ogni volta Salvini attribuisce meriti non suoi alla Lega e siamo costretti a spiegargli come stanno le cose. I 90 milioni del Contratto istituzionale di sviluppo per il centro storico di Cosenza sono stati sbloccati dal governo Conte bis e dell’allora sottosegretario ai Beni culturali Anna Laura Orrico, deputata cosentina del M5s. Via libera arrivato con la firma del Cis avvenuta nel settembre 2020».

È quanto si legge in un post sulla pagina Facebook del Movimento 5 Stelle.

«Siamo contenti che anche Matteo Salvini abbia riconosciuto l’importanza di questo lavoro del Movimento 5 Stelle, ma come al solito dobbiamo ricordargli che anche questa volta, non è un lavoro fatto da lui. D’altronde la stagione dei Mojito è vicina: quasi comprensibile il suo smarrimento quando si tratta di affrontare questioni serie», conclude il post.

Di Maio: «Lavoriamo dando il massimo e facciamo parlare i fatti»

«Lavoriamo dando il massimo e facciamo parlare i fatti.
Anche ad aprile boom dell’export di prodotti italiani.
Gli ultimi dati su Made in Italy ed esportazioni continuano a darci ragione e fiducia, confermando che il Patto per l’Export siglato al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale funziona».

Così su Facebook il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

«I numeri parlano chiaro:
– dopo l’aumento delle esportazioni del 4,6% nel primo trimestre di quest’anno, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, continuiamo a crescere mese dopo mese: ad aprile +3,4% rispetto al mese prima;
– aprile conferma un trend di cui andare fieri. Il primo quadrimestre di quest’anno fa segnare risultati record rispetto allo stesso quadrimestre del 2019, che era l’anno d’oro, con 4 punti percentuali in più, cioè 6,5 miliardi di euro di maggiore export;
– le nostre esportazioni crescono più delle importazioni, facendo segnare ad aprile un surplus di circa 6 miliardi di euro.
È la conferma che siamo sulla buona strada, con un Made in Italy che fa da traino a tutta l’economia del Paese.
Ora rimbocchiamoci le maniche e miriamo sempre più in alto.
Cibo, moda, manifattura, arredamento, auto e componentistica, tecnologia, assieme a tanti altri prodotti italiani, fanno ovunque la differenza.
Continuiamo a supportare i nostri imprenditori, valorizziamo il nostro patrimonio di eccellenze», ha concluso Di Maio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here