Focolaio Covid al Billionaire nell’estate 2020: per la Procura è epidemia colposa

0
0
Pubblicità

La procura di Tempio Pausania ha chiuso l’indagine aperta la scorsa estate dopo i casi di Covid nelle discoteche della Costa Smeralda in Sardegna.

Pubblicità

Il procuratore Gregorio Capasso ha formulato l’accusa di epidemia colposa. Nel mirino il rappresentante legale e amministratore unico del famoso locale, Roberto Pretto. Stando all’atto, Flavio Briatore, proprietario del Billionaire, non è indagato, infatti nel mirino sarebbe finito il rappresentante legale e amministratore unico del locale, Roberto Pretto.

Il reato di lesioni colpose viene contestato ai gestori del Phi Beach di Baia Sardinia e del Country club di Porto Rotondo, con la motivazione di non aver fornito ai lavoratori un numero sufficiente di mascherine.

Alcuni dispositivi di protezione individuale consegnati al personale dei due locali griffati con il marchio del locale, inoltre, sono stati analizzati e sono risultati con capacità filtrante inferiore alla norma, dunque inefficaci contro il Covid. L’inchiesta infatti, partita l’estate scorsa dopo lo scoppio dei focolai in Gallura e la serrata delle discoteche disposta dal ministro della Salute, Roberto Speranza, ha individuato almeno 12 dipendenti che si sono contagiati al Billionaire.

“Siamo molto sorpresi – ha commentato l’avvocato Antonella Cuccureddu, che difende Roberto Pretto del Billionaire – il reato di epidemia colposa, a norma di Codice, si commette diffondendo germi patogeni, col presupposto che i germi patogeni non siano in circolazione e quindi li diffonda il soggetto. La condotta del diffondere è attiva. Contestare un’epidemia colposa nel contesto di una pandemia è assurdo. Oltretutto, la contestazione è motivata dalla omissione, ma una sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che non può esistere l’epidemia colposa omissiva”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui