Reddito di cittadinanza, Licheri replica a Renzi: «Le sue parole sono uno sputo in faccia a 5,6 milioni di persone in povertà assoluta»

0
0
Pubblicità

«LA SFIDA DEL TERZO MILLENNIO È IL CONTRASTO ALLE DISUGUAGLIANZE SOCIALI. Sono intervenuto in studio all’Aria che tira, giusto per ribadire qualche concetto chiave. Renzi contrasta il reddito di cittadinanza perché “la gente deve soffrire e sudare”. Le sue parole sono uno sputo in faccia a 5,6 milioni di persone in povertà assoluta, cioè con oggettiva difficoltà ad alimentarsi (dati Caritas)».

Pubblicità

Così su Facebook il capogruppo del M5S al Senato, Ettore Licheri, condividendo il video del suo intervento.

«Il Reddito di Cittadinanza non si può toccare ma si può migliorare: rafforzando i controlli, costringendo i Sindaci e le Regioni a sviluppare i lavori di pubblica utilità, implementando i centri per l’impiego. C’è sudore e sudore: quello dell’angoscia dei più fragili e quello che si avverte stando a bordo piscina», conclude il post.

Guarda il video:

Toninelli: «Referendum per cancellare il reddito di cittadinanza? Renzi è la peggior barzelletta dell’estate 2021»

«Renzi? Penso che sia la peggiore barzelletta dell’estate 2021. La sua credibilità oggi è pari a zero. Il miglior modo per descriverlo politicamente è dire che il suo modo di fare politica è antitaliano e continua a esserlo sempre più».

Lo ha detto il senatore del Movimento 5 Stelle, Danilo Toninelli, a proposito delle ultime dichiarazioni di Matteo Renzi, secondo il quale «la gente deve tornare a soffrire» .

Il leader di Italia Viva, nella sua ultima enews, ha attaccato chi «non vuole studiare ma preferisce odiare mi ha manganellato sui social per tre giorni, dicendo che io voglio far soffrire la gente». Renzi ha anche scritto che «la verità è che il reddito di cittadinanza non funziona, tutti lo sanno, nessuno lo ammette». E ha annunciato: «Io sono pronto a discutere delle misure per lottare contro la povertà, ma questa misura non può essere il sussidio diseducativo e clientelare che non ti avvicina al lavoro, come dimostrano i dati».

Pubblicità

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui