Raggi: «Ho sfidato Giorgia Meloni a un confronto pubblico in vista del voto a Roma»

0
1583
raggi-giorgia-meloni
Pubblicità

«Ho sfidato Giorgia Meloni a un confronto pubblico in vista del voto a Roma. Avrei voluto misurarmi con Enrico Michetti ma, da settimane, continua a sottrarsi a qualsiasi confronto».

Pubblicità

Così in un post su Facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Avantieri «Giorgia Meloni ha detto che Michetti non ha motivo di fare dibattiti. Io credo che Michetti, se vuole guidare la città, invece debba farsi conoscere proprio attraverso incontri pubblici. Quanto ai confronti, io non mi tiro indietro, anzi rilancio: se Michetti non se la sente o non ce la fa, sono pronta a confrontarmi pubblicamente con Giorgia Meloni o Matteo Salvini», ha scritto ancora Raggi.

«Inoltre, se Michetti si degna di presentare un programma di governo potremmo parlare anche di qualche (sua) idea sul futuro della città. #MichettiScappa» ha concluso la sindaca uscente della Capitale.

Roma, Meloni attacca Raggi: «Fra cinghiali e topi invece del sindaco ha fatto lo zoologo, può fare il direttore del Bioparco»

«Roma è invasa dai rifiuti. Fra cinghiali e topi Raggi invece del sindaco ha fatto lo zoologo, può fare il direttore del Bioparco».

Lo ha detto la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, nel corso di un comizio che si è tenuto sabato a Piazza del Popolo.

«I romani dovrebbero votare Michetti perché a Roma servono visione ma anche capacita di realizzarla. E’ una macchina complessa che va guidata da una persona che sa come farla marciare. Enrico Michetti è esattamente quella persona, un professionista che i sindaci chiamano per risolvere i problemi. A me pare che abbia un curriculum di tutto rispetto per guidare la Capitale», ha affermato Meloni.

Nel corso del suo intervento, la leader di FdI ha affrontato anche altri temi: «Dov’è la magistratura che sta così attenta e sta ancora lì a perseguitare Berlusconi a cui va la nostra solidarietà. Non ha nulla da dire sulla mangiatoia del Covid? Vogliamo dimostrare come il Covid si sia trasformato in un enorme affare per i soliti circuiti della sinistra: mascherine, appalti agli amici, consulenze milionarie», ha detto.

«Abbiamo riempito la piazza, nonostante le restrizioni. Siamo rimasti unici ad avere il coraggio di organizzare manifestazioni così imponenti. Non ci siamo fatti mettere il bavaglio da una sinistra che grida allo scandalo e poi alla festa dell’Unità si entra senza Green Pass. L’Italia è l’unica Nazione del mondo in cui si parla di obbligo vaccinale. Siamo l’unica Nazione in cui viene chiesto il certificato verde per esercitare dei diritti fondamentali. Il Green Pass viene usato come arma di distrazione», ha affermato ancora Meloni

14.109Luigi Sunseri e altri 14.109Commenti: 2033Condivisioni: 2312Mi piaceCommentaCondividi

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui